La maggior parte degli operatori delle telecomunicazioni pensa che l‘implementazione delle reti 5G provocherebbe un’esplosione del consumo energetico.

A svelarlo è una ricerca condotta da Vertiv, società che fornisce servizi alle infrastrutture critiche, in collaborazione con il centro di ricerca 451 Research, e che ha preso in esame cento operatori telefonici distribuiti sul territorio globale. Se, da un lato, dall’indagine è emerso un generale ottimismo sui servizi che l’implementazione del 5G porterà, dall’altro lato è emerso che ben il 90% degli operatori intervistati teme che l’avvento delle reti di quinta generazione possano provocare un aumento del consumo energetico e si è pertanto dimostrato interessato a soluzioni in grado di migliorare l’efficienza energetica.

5G, per gli operatori telefonici l’implementazione delle nuove reti provocheranno un aumento del 170% del il consumo energetico

Una paura confermata dai risultati di un’indagine interna secondo cui l’arrivo del 5G provocherà un notevole aumento del consumo energetico totale fino al 170% entro il 2026. Ciò perchè il nuovo standard di rete connetterà miliardi di dispositivi, e la sua struttura dovrà essere in grado di sostenere un carico di lavoro così alto.

Leggi anche:  Il Wi-Fi 6 sopravviverà al 5G: ecco i motivi del suo successo

E’ in questo contesto che diventa fondamentale l’utilizzo dell’Edge Computing, e questo, gli operatori telefonici lo hanno ben capito. Non a caso il 37% degli intervistati ha dichiarato di aver già implementato questa tecnologia, mentre il 47% prevede di farlo in un futuro non molto lontano, considerato l’imminente lancio mondiale delle reti di quinta generazione.

L’Edge Computing, infatti, è un sistema di elaborazione che si basa sul cloud e che elabora i dati ai margini della rete, per poi inviare le informazioni ai data center in dimensioni ridotte. Ciò non solo porterà ad una latenza ridotta e ad una maggiore velocità di risposta, ma porterà soprattutto ad un risparmio di banda.

Dal canto suo, Vertiv ha già dichiarato di voler intensificare la collaborazione con gli operatori delle telecomunicazioni per sviluppare, entro il minor tempo possibile, validi programmi di efficienza energetica.