ferrari

Ferrari North America richiamerà 2.150 auto per alcuni preoccupazioni riguardanti un problema di produzione, che in alcuni casi, potrebbe portare a un incendio. Il richiamo riguarda la Ferrari Aperta 2017, la 488 GTB del 2018-2019, la 488 Spider, la 812 Superfast, la GTC4Lusso e la GTC4Lusso T, così come la Pista 2018 488.

Anche se 2150 vetture non sembrano molte se paragonate ad altri richiami (tipo quello di Honda di questa settimana che ha richiamato circa 1.1 milioni di auto), è un grosso problema per la Ferrari, una compagnia che nel 2018 ha spedito solo 9.251 auto a livello mondiale.

 

Un problema con un fornitore

Il richiamo riguarda un separatore di vapori del carburante che potrebbe incrinarsi, lasciare fuoriuscire fumi e potenzialmente causare un incendio. La Ferrari afferma che il problema è stato causato da un difetto di fabbricazione derivante da un componente di un fornitore, che ha fornito materiali per quasi tutta la linea di produzione. Infatti Ferrari ha ricevuto per la prima volta segnalazioni di perdite nelle auto dei clienti dai suoi concessionari solo dopo aver stretto l’accordo con il fornitore.

La buona notizia è che i guidatori riceveranno un avvertimento sul problema: la Ferrari dice che in caso di perdita, la spia del motore di controllo dell’auto si accenderà e un messaggio nel quadro strumenti indicherà ai proprietari di portare la macchina a un rivenditore. Le vetture interessate sono state costruite tra l’ottobre 2017 e 2018.

La Ferrari inizierà a informare i clienti statunitensi dell’azione di richiamo verso aprile e, naturalmente, risolverà il problema gratuitamente sostituendo il separatore di vapori su tutte le auto interessate.