safari

Il browser Safari di Apple presto impedirà ai siti web di utilizzare i dati di movimento del telefono come impostazione predefinita. Potenzialmente questa mossa comprometterà le esperienze AR e VR basate su questa funzionalità, riporta DigiDay. Con iOS 12.2, la società sta introducendo una nuova impostazione di privacy denominata “Accesso al movimento e all’orientamento” nella versione 12.1 del browser, che verrà disabilitata come impostazione predefinita.

Apple non ha risposto immediatamente dopo questa mossa, ma DigiDay ipotizza che un rapporto di Wired dell’anno scorso sia la causa delle modifiche. Il rapporto sollevava la preoccupazione che migliaia di siti usassero script che estraevano dati dai sensori di movimento di un telefono senza il consenso dell’utente. Molti di questi siti hanno quindi utilizzato questi dati per il tracciamento, la raccolta di dati analitici e il riconoscimento del pubblico.

Una soluzione alternativa potrebbe essere possibile

Più sviluppatori di VR e AR con cui si è parlato con DigiDay hanno affermato che si aspettavano che le modifiche interrompessero gli aspetti della funzionalità dei loro siti. Potrebbe influenzare le esperienze basate sul web come siti promozionali.

Leggi anche:  Pericolo smartphone: attenzione ai cellulari Apple e Xiaomi

Il rapporto ha rilevato che l’accesso ad altri dati da un telefono, come i dati sulla posizione, è preceduto da un popup che chiede l’autorizzazione dell’utente, ma non è al momento chiaro se i siti saranno in grado di generare una notifica simile per chiedere l’accesso ai dati di movimento . DigiDay ipotizza che un sito Web interessato possa rilevare quando Safari viene utilizzato per accedere e potrebbe indirizzare un utente alla pagina delle impostazioni pertinenti per dare il proprio consenso.

Anche se ciò è possibile, potrebbe comunque rappresentare un problema per gli sviluppatori. Tuttavia, richiedere alle persone di aprire un menu dalle impostazioni per poter utiiizzare la funzione introduce una nuova barriera, anche se piccola, che potrebbe fare la differenza con qualcuno che prova un’esperienza VR per la prima volta.