truffe online BNL Unicredit SanPaoloIn questi giorni di fine 2018 si registra un crescente numero di truffe. Il periodo natalizio è il migliore per gli hacker che vogliono entrare nel vivo del raggiro. Siamo tutti presi dal buonismo del periodo e noncuranti delle insidie che si celano dietro abili trucchi usati per estorcere denaro. Bastano nome utente e password ed a quel punto il regalo è servito. Li ottengono facilmente, con l’inganno.

 

Truffe in banca: come fregano i nostri soldi

Esiste un valido motivo per cui si parla sempre di truffe Unicredit, BNL e Sanpaolo? Assolutamente sì. La maggior parte degli italiani usa la solidità di questi istituti per depositare il proprio denaro aprendo un conto, una carta di credito o richiedendo una prepagata. La probabilità che si abbia un conto in uno di questi enti è alta. Ma non è una verità universale.

La truffa viene smascherata nel momento in cui si riceve un messaggio di allerta per un conto che non esiste. Ne riceviamo decine a settimana, ma non abbiamo alcun conto corrente con nessuno di questi istituti. Noi usiamo Hype, per il momento immune a questi attacchi.

Per tutti gli altri, invece, si prospettano i raggiri diffusi in chat su Whatsapp, SMS e per email. Tutto fa da contorno ad un solo termine: phishing. L’hacker tenta di agganciare la sua vittima minacciando una di queste conseguenze:

  • conto sospeso
  • IBAN bloccato
  • dati incongruenti
  • carta di credito non utilizzabile
Leggi anche:  Amazon regala un Galaxy S9, ecco la nuova truffa che spopola sul Web

In ogni caso non si devono prendere per buone le raccomandazioni indicate nel messaggio che arriva alla mailbox o al telefono. Si tratta di phishing/pharming o SMiShing. Tutti termini che tradotti in soldoni significano truffa.

Ed ecco quindi che cosa non si deve sapere e MAI FARE:

  1. Banche e Poste non comunicano via SMS, email o altro sistema pubblico di messaggistica non ufficiale
  2. I dati non vanno corretti (spesso vengono cambiati dalla banca secondo necessità, come nel caso degli IBAN dovuti a riordino territoriale)
  3. Il vostro ente non può bloccare conto, carte di credito/debito o prepagate senza consenso e/o comunque senza previa comunicazione informativa da rilasciarsi direttamente sul profilo ufficiale (dopo avvenuta identificazione con credenziali attendibili)

Qui, invece, le regole del FARE:

  1. cancellare il messaggio
  2. non aprire il link
  3. chiamare la banca per richiedere delucidazioni in merito al messaggio
  4. segnalare l’accaduto alle autorità competenti