Prendersi cura dei bambini è un compito responsabile e impegnativo, richiede una quantità illimitata di pazienza e concentrazione. Ci sono genitori o tutori che scelgono di assumere un aiuto professionale per prendersi cura dei propri figli. Ed è naturale che si aspettino che tali figure rimangano concentrate in ogni momento.

Ora alcune famiglie vietano alle tate di usare i social media durante la giornata lavorativa. Ciò a causa del timore che siano troppo distratti mentre si prendono cura dei bambini. Molti hanno scoperto che la crescente popolarità delle piattaforme di social media negli ultimi anni ha interrotto la capacità delle tate di sorvegliare in modo efficiente. Uno studio recente ha scoperto che l’utente medio controlla il telefono circa 28 volte al giorno, il che equivale a più di 10.000 volte l’anno.

Il telefono è fonte di distrazione, soprattutto usando i social, e le famiglie preferiscono vietarne l’uso alle tate dei propri figli

Le agenzie di baby-sitter come Abbeville Nannies a sud di Londra e Kensington Nannies nella zona ovest di Londra si stanno sforzando di limitare la quantità di tempo che le tate trascorrono sui social media. L’intento è introdurre norme sull’uso degli smartphone. Kate Baker, co-fondatrice di Abbeville Nannies, ha dichiarato al The Times che negli ultimi tre mesi circa 20 genitori hanno richiesto l’aggiunta di clausole per smartphone ai contratti dati alle loro tate.

Leggi anche:  La parte oscura di internet: commenti offensivi sull'olocausto e sullo stupro

Louise Taylor, consulente internazionale di Kensington Nannies, afferma che i genitori non vogliono che le persone che si imbattono nelle loro tate possano pensare cose negative. “[La clausola] è di fermare quella cosa in cui un vicino dice: ‘Ho visto la tua tata camminare per strada. Stava parlando al telefono e nessuno stava prestando attenzione al bambino'”. Le baby sitter assunte da Kensington Nannies sono vincolate da una clausola sui social media nei loro contratti. In essa si afferma che dovrebbero mettere via il loro telefono durante l’orario di lavoro e utilizzare invece un telefono fornito per loro.