Kenichiro Okamoto era un esperto di criminalità su Internet e un prolifico blogger. Ha studiato il “Dark Web“. Trattasi di una parte di Internet che si basa sulla crittografia ed è spesso sfruttata, secondo gli esperti, per attività illecite e per incitare all’odio.

Un po’ di tempo fa Okamoto ha tenuto un seminario di due ore per circa 30 persone nella città di Fukuoka, a 550 miglia a ovest di Tokyo. L’obiettivo era consigliare ad altri blogger di coinvolgere il loro pubblico contro i troll online. “Ho incontrato molti problemi perché ho scritto sul mio blog per molti anni”, ha scritto Okamoto su un sito web. “Litigi, sottolineando errori di battitura, domande sul contenuto, lettere d’amore, lettere di avvocati, ecc.” Il seminario finì intorno alle 19:45. Circa 15 minuti dopo, entrò in una stanza nell’edificio, ex scuola elementare che ora ospita Fukuoka Growth Next.

Lì, il signor Okamoto, 41 anni, è stato pugnalato più volte al collo e al torace, probabilmente da un uomo che, a quanto riferito, lo ha trollato e molestato online. Il signor Okamoto è stato portato in ospedale dove è stato dichiarato morto. Il sospettato è fuggito su una bicicletta, ma si è consegnato alla polizia poche ore dopo, secondo quanto riportato dal quotidiano giapponese Asahi Shimbun. Prima di allora, qualcuno – forse lo stesso sospettato – aveva pubblicato un messaggio online che alludeva ad un’ammissione dell’atto commesso.

Molestie online per il celebre Okamoto che si sono trasformate in un omicidio

La polizia ha accusato Hidemitsu Matsumoto, un uomo di 42 anni. “Pensavo di ucciderlo“, ha dichiarato. I due uomini non si sono incontrati di persona, sembra. Ma il signor Matsumoto ha molestato il signor Okamoto nei messaggi online e ha serbato rancore, secondo il giornale. Recentemente, Okamoto aveva scritto sul suo blog di essere stato molestato da un troll chiamato “Mr. IQ basso“. Okamoto fornì un elenco di circa 270 nomi di utenti che disse che il troll aveva usato e che Hatena, popolare servizio di blogging in Giappone, aveva sospeso. Il signor Okamoto ha continuato: “Non è un problema per le persone abituate al linguaggio offensivo, come me. Però moltissime persone si sentirebbero spaventate ricevendo invettive dal nulla“.

La polizia non fu immediatamente in grado di confermare che il troll in questione fosse il signor Matsumoto. Tuttavia, diversi commentatori online affermano di credere che fosse il troll che aveva infastidito il signor Okamoto. L’omicidio ha messo in luce l’agghiacciante possibilità che le minacce digitali si riversino nella vita reale. Siamo in un’epoca in cui gli utenti di Internet sono sempre più preoccupati per la proliferazione della disinformazione, l’incitamento all’odio e persino l’incitamento alla violenza.

Il Giappone ha un tasso di omicidi relativamente basso. Un rapporto dell’Ufficio delle Nazioni Unite contro la droga e il crimine del 2013 afferma che il tasso era uno dei più bassi del mondo. Ciò rileva i bassi livelli di possesso di armi nel paese, un’efficace polizia, una bassa disuguaglianza e un alto livello di sviluppo. Il Sig. Okamoto ha anche lavorato in Sprout, società di Tokyo che offre consulenza sulla sicurezza informatica a società e agenzie governative. “La perdita del signor Okamoto è stata motivo di profondo rammarico”, ha scritto Seigen Takano, amministratore delegato di Sprout.