smartphone

Nel corso dell’ultimo mese si è parlato molto del 5G, della sua potenza, dei suoi possibili costi e di tutta una serie di incognite legate a questa nuova rete. Si è parlato altrettanto dei problemi legati all’uso intensivo degli smartphone e, nonostante le risposte date dall’Associazione italiana per la ricerca sul cancro siano state esaustive, sono nati nuovi dubbi. Come accade spesso in Italia, una nuova questione è nata: il 5G e i nuovi smartphone supportanti questa rete saranno rischiosi per l’uomo?

Sembra essere nella natura umana mettere in discussione tutto quanto, anche quando non vi è bisogno di farlo. Ebbene, è normale che nascano dei timori e che delle risposte vengano date, ma non è altrettanto normale iniziare a leggere online di complotti, mutazioni genetiche e bufale varie. 

Ad oggi, vi possiamo comunicare che non esiste alcuna prova certa che questo tipo di tecnologia provochi danni. Sebbene non sia ancora stata messa in atto, chi di dovere ha confermato che sul breve periodo non sono stati registrati né mutazioni del DNA, né problemi di salute o di cambiamenti cellulari. Il 5G è sicuro quindi? La risposta è ni. Essendo una tecnologia di nuova generazione, ovviamente non si sono potuti analizzare i risultati sul lungo periodo, ma questo non è un motivo per allarmarsi.

Leggi anche:  Samsung Galaxy S10: rilevate le dimensioni dei tre modelli chiave

Per quanto riguarda, invece, il discorso smartphone tutte le risposte possono essere trovate in questo articolo. Spoiler alert: no, gli smartphone non provocano tumori ai cervelli, ad affermarlo sono stati gli scienziati e le loro analisi.