Iliad Roma Nord

Iliad ha deciso di realizzare la propria rete indipendente a Roma e Milano, cercando di mettere fine alla dipendenza dalla rete di Wind Tre in modalità ran sharing. In particolare, il Comune di Roma ha ricevuto quattro richieste in agosto per la costruzione di stazioni radio da parte dell’operatore francese nella zona Nord della capitale.

Nulla di nuovo in realtà, ma l’agitazione delle testate giornalistiche locali ha messo in allarme i cittadini di Roma Nord. Non si parla di novità poiché Iliad Italia aveva già preventivato dei piani operativi per l’installazione di antenne ex novo, o di modifica di quelle già esistenti nei luoghi di sua proprietà, prima ancora di iniziare il business.

 

Antenne Iliad: ecco le via interessate a Roma Nord

Le zone del Municipio XV di Roma che Iliad ha individuato per la probabile costruzione di due stazioni radio saranno in via Carlo Emery 47 e in via Barbarano Romano 6-10. Mentre la modifica di due impianti già esistenti sarà effettuata in via della Motonautica e in via Anguillarese.

Leggi anche:  Ho Mobile, Iliad, Kena e altri MVNO lanciano nuove e vantaggiose tariffe in 4G

La protesta dei cittadini è forte soprattutto in zona Cassia per il timore di essere esposti a una concentrazione di onde elettromagnetiche potenzialmente dannose dovuta alla poca distanza tra antenne già esistenti. Lo stesso vicepresidente della Commissione Ambiente del Municipio XV Marcello Ribera spera in un intervento del mini sindaco per bloccare l’infrastruttura. I municipi e il Comune di Roma stesso, però, non possono fermare Iliad con un’ordinanza, poiché la disciplina è di competenza esclusiva dello Stato con il D.l. Gasparri n. 198 del 2002.

Il decreto disciplina la distanza minima per l’installazione di un ripetitore in 70 metri dalle abitazioni e subordina il tutto anche al parere dell’Arpa (Agenzia Regionale per la Prevenzione e la Protezione Ambientale). Ai cittadini non resta che protestare e trovare forme alternative per bloccare l’iter di Iliad, come già è riuscito ai residenti di Valle Muricana, a Nord della capitale, che almeno hanno ottenuto lo spostamento di un’antenna.