Il M5s blocca Amazon

Fino a stasera è in atto l’Amazon Prime Day 2018, giorno in cui la piattaforma propone tantissimi sconti dedicati ai clienti con l’abbonamento Prime.

Per chi ancora non fosse iscritto, può recarsi sulla piattaforma e attivarlo, oppure è anche possibile provarlo per 30 giorni gratuitamente. Solo in seguito dovrete decidere se lasciarlo attivo o disdirlo. Purtroppo però una notizia che non farà piacere agli amanti dello shopping, è arrivata dal M5s.

 

Amazon bloccata dal Movimento 5 Stelle

Il Movimento 5 Stelle ha come obiettivo quello di bloccare gli ordini di acquisto online nei giorni festivi. L’idea quindi non va a coinvolgere solamente i negozi fisici ma bensì anche le piattaforme online. Luigi di Maio, al momento capo del Movimento, durante le ultime vacanze natalizie propose il diritto al giorno di chiusura anche per i negozi sul web.

Ovviamente non è possibile impedire ai negozi online di rimanere aperti alla domenica e nei festivi, quindi l’ordine in questo caso, sarà spostato al primo giorno feriale successivo. Al momento è ancora difficile immaginare quali saranno le ricadute per i lavoratori, in termini di posti di lavoro. Secondo un’analisi realizzata da Alkemy, il 24% degli acquisti online viene effettuato durante il sabato e la domenica, giorni in cui molti utenti sono a casa dal lavoro.

Leggi anche:  Amazon: rivelazioni molto importanti arrivano da WikiLeaks

Facendo un rapido calcolo, 2.5 dei 10 miliardi di vendite saranno a rischio a causa di questa decisione. C’è anche da calcolare il fatto che, per gli utenti, la rapidità di spedizione è un fattore primario nella scelta della piattaforma su cui acquistare. L’e-commerce Amazon, ha appena assunto oltre 5.000 dipendenti interinali, in seguito a questa decisione, 1.200 di questi posti, sono a rischio solamente negli Stati Uniti. Ovviamente vi terremo aggiornati sulla situazione.