L’implementazione iniziale della rete 5G, quinta generazione di reti mobile, potrebbe raggiungere una velocità solo tra il 25 e il 50 % in più rispetto alla 4G LTE. Questo è quanto emerso dalle dichiarazioni di Karri Kuoppamaki, Vice President of Technology Development and Strategy di T-Mobile.

Kuoppamaki ha minimizzato le aspettative riguardo al 5G. In tal modo ha ricordato i sentimenti espressi in precedenza dal suo collega e responsabile della tecnologia T-Mobile, Neville Ray. Il 5G non farà “un briciolo di differenza” l’anno prossimo, ha detto Neville a febbraio. Ciò dopo aver affermato che la tecnologia è un investimento intelligente a lungo termine, ma non qualcosa che rivoluzionerà l’industria wireless all’improvviso.

La rete 5G tanto attesa dagli utenti potrebbe rivelarsi un flop, con una velocità maggiore solo del 25% o poco più rispetto a 4G LTE

C’è differenza tra le aspettative iniziali di T-Mobile e quelle esposte da Verizon e AT & T. Può darsi che ciò dipenda dalla prima rete 5G di T-Mobile che condurrà uno spiegamento più rapido. Non è cosi improbabile dato che la frequenza sarà adatta per viaggiare su lunghe distanze da sola. Di conseguenza non è particolarmente dipendente dall’esistenza di reti ultra-dense piene di piccole celle. D’altra parte, le velocità di trasferimento dati abilitate da tale spettro sono anche inferiori rispetto alle alternative a onde millimetriche che sono attualmente perseguite da altri, sebbene T-Mobile stia anche esaminando tali tecnologie.

Leggi anche:  DVB-T2: settembre il mese della verità, ma quanto ne sanno gli italiani?

“È abbastanza irrilevante” quali velocità sarà in grado di fornire il 5G dal momento in cui verrà lanciato, però le implicazioni a lungo termine della tecnologia sono di vasta portata. Tra l’altro, in ogni caso esse consentiranno di migliorare significativamente le velocità di trasferimento dei dati, le capacità e le latenze. Nel frattempo, si sta pianificando l’avvio di una distribuzione commerciale 5G limitata alla seconda metà dell’anno. Tuttavia, solo AT & T si rivolge a soluzioni realmente mobile. Invece Verizon si concentra inizialmente sulle tecnologie di accesso wireless fisse. Sprint e T-Mobile seguiranno l’esempio all’inizio del prossimo anno. Tutti e quattro i maggiori operatori di rete negli USA promettono la copertura nazionale 5G entro il 2020.