Sony Xperia
Sony Xperia

È passata una settimana da quando Sony ha presentato al CES 2018 due nuovi dispositivi, l’Xperia XA2 e XA2 Ultra, oltre che a l’Xperia L2. Questi dispositivi di fascia media che usciranno con Android Oreo sono la versione aggiornati di quelli dell’anno scorso.

Le differenze

La compagnia non ha cambiato drasticamente il design dei nuovi dispositivi della famiglia Xperia XA. Gli XA2 e XA2 Ultra hanno un aspetto migliore dei loro predecessori, grazie in gran parte alle cornici inferiori e superiori. Un’altra cosa che è quasi immediatamente percepibile avendogli sotto gli occhi è la presenza di uno scanner di impronte digitali sulla parte posteriore degli smartphone. Questa caratteristica è la prima volta che compare su un dispositivo Sony.

Xperia XA2 e XA2 Ultra utilizzano entrambi processori Qualcomm Snapdragon 630 invece dei chipset MediaTek Helio P20 i quali erano presenti sui modelli precedenti. Snapdragon 630 è più efficiente dell’Helio P20, mentre rappresenta anche un upgrade per quanto riguarda i giochi, grazie alla più potente GPU Adreno 508

Leggi anche:  Sony Xperia XA3: avvistato il benchmark del dispositivo alimentato dallo Snapdragon 660

In termini di display, la XA2 vede un aggiornamento, poiché sfoggia uno schermo da 1080p da 5,2 pollici che è ovviamente superiore a quello HD degli XA1. Quello dello XA2 Ultra invece è simile al predecessore ma è da 6 pollici.

Entrambi i nuovi telefoni hanno una batteria molto più grande. 3300 mAh per il più piccolo e 3580 mAh per l’Ultra. Gli XA ne avevano una sensibilmente più piccola ovvero 2300 mAh e 2700 mAh.

Anche le fotocamere hanno avuto un aggiornamento. Le fotocamere posteriori degli XA2 sono simili offrendo un sensore 23 megapixel, sensori Exmor RS che possono registrare video in 4K e video a rallentatore a 120 FPS. Sulla parte posteriore dell’XA2 ha una fotocamera grandangolare da 8 MP mentre l’Ultra 2 ha una doppia fotocamera, una da 16 MP con stabilizzazione ottica dell’immagine più una da 8 MP grandangolare, con flash LED. Ovviamente dispositivi dedicati ai selfie, come la compagnia ha sempre pubblicizzato.