MediaTek ha annunciato a Novembre che avrebbe fermato per qualche tempo la produzione dei processori top di gamma per concentrarsi maggiormente sul segmento dei chipset di fascia media. La mossa non ci ha sorpreso dal momento che il chip di punta di MediaTek del 2017, l’ Helio X30, non ha attirato l’attenzione dei grandi produttori di smartphone. Mentre il Meizu Pro 7 Plus ospita l’Helio X30 ma il telefono non ha riscosso molto successo sul mercato in termini di vendite. Quindi, l’Helio X30 non ha corrisposto alle aspettative di MediaTek. Tuttavia, la società vuole andare avanti ed ha già pianificato la road map per il 2018. Il Vice Direttore Generale di MediaTek, Kuan Chou Chen, ha annunciato che l’azienda lancerà due nuovi processori della serie P l’anno prossimo. I chipset, stando alle aspettative, avranno prestazioni piuttosto impressionanti.

Mediatek vuole riscattarsi con il nuovo Helio P40

 

I nuovi processori si concentreranno principalmente su tecnologie avanzate legate all’Intelligenza Artificiale, edge computing e computer vision, afferma MediaTek. Ciò include la tecnologia di riconoscimento facciale, pronta a diventare la prossima grande tendenza nel settore degli smartphone. Oltre alle capacità di riconoscimento facciale, i processori saranno abilitati con tecnologie informatiche avanzate per fornire migliori capacità di rilevamento AR / VR e 3D. Oltre a questo, il funzionario di MediaTek non ha fornito dettagli specifici sui futuri processori della serie P di Helio.

mediatek helio x30

Un precedente rapporto aveva suggerito che il SoC Helio P40 presentasse un design hexa-core, costruito utilizzando il processo a 12 nanometri di TSMC. Tuttavia, va tenuto presente che le informazioni non provengono da nessuna fonte ufficiale. Attualmente, l’Helio P30 è il chipset più potente nella linea P dei processori MediaTek. È dotato di core Octa-core Cortex-A53 con una frequenza di Clock a 2.3GHz. C’è un’altra caratteristica unica, che è la Vision Processing Unit (VPN) presente sull’Helio P30. È un processore di segnale digitale che lavora a 500 MHz. La VPN riduce il consumo energetico ed offre un’esperienza visiva più fluida.