DSC_3261

Nonostante Android L non sia ancora disponibile (e non lo sarà ancora per un po’), Google durante il keynote di ieri ha mostrato buona parte del nuovo sistema operativo e, di conseguenza, le sue differenze stilistiche, oltre che funzionali. Andiamo quindi a confrontare la versione attuale, KitKat, con la futura, L!

Come dicevo, lo stile non è l’unica differenza che troveremo in Android L. 7,ooo nuove API sono stato fornite agli sviluppatore e parecchi servizi sono stati mostrato.
Tuttavia, Google ha anche lavorato duramente per portare anche i dettagli più piccoli alla vita attraverso il feedback animato, tutto unito nel Material Design.

Il material design si rivede sotto moltissimi aspetti, dal launcher, al multitasking, passando per lockscreen ed app. Veramente completo e raffinato, oltre che molto elegante e moderno. Andiamo quindi a confrontare la vecchia versione Android, vecchia si fa per dire, con la futura, in una galleria fotografica.

Leggi anche:  Samsung è impazzita e regala una MicroSD da 128 o 512 GB acquistando uno smartphone

Nuovo Menù Impostazioni

A-new-settings-menu

Livelli e Pulsanti

Sliders-across-the-board-have-also-been-redesigned Radio-buttons-too

Rubrica e contatti

The-People-contacts-app-has-also-seen-some-changes-1 The-People-contacts-app-has-also-seen-some-changes-2 The-People-contacts-app-has-also-seen-some-changes-3

Google Calendar

The-calendar-is-more-attractive-too Adding-calendar-events

Google Gmail

Same-goes-for-the-Gmail-app-1 Same-goes-for-the-Gmail-app-2 Same-goes-for-the-Gmail-app-3

Client Email Stock

The-stock-Android-Email-app-has-seen-some-changes

Google Search

Search-is-also-more-simplistic-and-cleaner-looking

Google Maps

Google-Maps-1 Google-Maps-2

 

Galleria

Gallery-1 Gallery-2 Gallery-3

Google Play Music

Play-Music

Google Drive 

New-Docs-or-Drive-vs-old-Drive-item-creation

Google Keep

Google-Keep

Google Hangout

Google-Hangouts-settings Google-Hangouts-new-chat

Impostazioni Applicazione

App-settings

Cosa ne pensate di Android L? Sarà il salto di qualità stilistico che permetterà a Google di superare iOS anche in bellezza?