Facebook sospende e indaga su 200 applicazioni per uso improprio dei dati degli utenteIl gigante tecnologico Facebook ha segnalato la sospensione di 200 applicazioni della sua piattaforma che saranno indagate per l’uso improprio dei dati degli utenti, in seguito allo scandalo di Cambridge Analytica. “Fino ad oggi sono state esaminate migliaia di domande e circa 200 sono state sospese, in attesa di un’indagine approfondita“, ha dichiarato in una nota Ime Archibong, vicepresidente dei prodotti associati su Facebook.

Ha anche commentato che “quando troveremo prove che queste o altre applicazioni hanno fatto un uso improprio dei dati, le proibiremo e le notificheremo“.

Facebook ha dovuto affrontare critiche severe e il suo presidente, Mark Zuckerberg, è comparso davanti al Congresso degli Stati Uniti dopo che le informazioni di circa 87 milioni di account sono state sfruttate dalla società di consulenza di Cambridge Analytica.

Le rivelazioni sulle azioni della società hanno scatenato indagini su entrambe le sponde dell’Atlantico e hanno portato Facebook a rafforzare le sue politiche su come condividere e accedere ai dati personali.

In una pubblicazione di marzo, Zuckerberg ha riconosciuto che il caso di un uso improprio dei dati era una “violazione della fiducia” e ha promesso di agire contro qualsiasi applicazione simile che avrebbe potuto sfruttare i protocolli di sicurezza. “Obbligheremo qualsiasi sviluppatore della nostra piattaforma che non accetti un controllo approfondito“, ha scritto. “E se troviamo sviluppatori che usano in modo improprio le informazioni di identificazione personale, li escluderemo e diremo a tutti coloro che sono interessati da tali applicazioni“. Ed ha proseguito: “C’è ancora molto lavoro da fare per trovare tutte le applicazioni che potrebbero aver abusato dei dati delle persone di Facebook, e questo richiederà un po’ di tempo“, ha ammesso Archibong.

 

Cambridge Analytica oggi

Cambridge Analytica e la casa madre SCL hanno avviato una “procedura di insolvenza nel Regno Unito all’inizio di maggio“, ha detto in una nota l’azienda di analisi dei dati e delle comunicazioni strategiche.

Incolpato e accusato ampiamente per il suo lassismo nella protezione dei dati personali, il capo e fondatore del social network, Mark Zuckerberg, si è scusato in diverse occasioni e, oggi, sembra aver riacquistato in popolarità.