Wi-Fly: il progetto di Microsoft vuole portare Internet in aree remoteMicrosoft ha un piano ambizioso che mira a distribuire Internet utilizzando aerei commerciali. Il progetto si propone di utilizzare router a lungo raggio collegati alle ali degli aerei per collegarsi ai ripetitori sul terreno. Wi-Fly, come viene chiamato, potrebbe essere utilizzato per connettersi in luoghi difficili da raggiungere, dove non ci sono reti cablate o telefoni cellulari disponibili.

Secondo la compagnia statunitense, la funzionalità costerebbe meno nella sua implementazione rispetto a Project Loon, l’iniziativa di Google con palloni lanciati nella stratosfera e Aquila, un drone alimentato dalla luce testato da Facebook . Questo perché la proposta è di utilizzare le rotte di volo esistenti, senza la necessità di sviluppare un proprio veicolo.

Il router portatile Nommi promette il Wi-Fi illimitato ovunque

Nel progetto, Microsoft spiega che il collegamento Internet viene fornito dal satellite utilizzando le bande ​​esistenti. L’aereo riceve questo segnale e ritrasmette a terra dai router posizionati sulle ali. L’hardware è collegato all’ADS-B, un sistema radio complementare al radar utilizzato per la sorveglianza degli aerei. L’apparecchiatura di terra rileva il segnale ADS-B trasmesso da una distanza da un aereo e,da questo processo, è in grado di inviare e ricevere dati.

Utilizzando le rotte di volo esistenti, la previsione è che se Wi-Fly possa essere utilizzato in maniera massiccia. Circa l’80% dell’Africa potrebbe essere coperto con l’accesso a Internet almeno una volta durante il giorno.

La tecnologia ha un limite: se gli aerei di una rotta specifica devono fare una deviazione a causa dei cambiamenti climatici, ad esempio, quel luogo perderà la connessione. Il sistema, dunque, potrebbe raggiungere un numero ancora maggiore di persone se fosse inserito su più di 10.000 voli simultanei al giorno. Alcune rotte potrebbero anche essere modificate per favorire i luoghi più distanti.

L’idea è che il Wi-Fly consenta l’accesso di base, l’utilizzo di applicazioni che non si basano tanto su applicazioni di messaggistica, e-mail e altro. Si potrebbe persino utilizzare la tecnologia per fornire connessione a una piccola comunità isolata. Inoltre, l’iniziativa potrebbe anche incoraggiare la scienza, che permette l’invio di dati provenienti da sensori posizionati in luoghi che non hanno accesso a Internet, come nel mezzo di una foresta.

Microsoft afferma di aver eseguito alcuni test con successo. Tuttavia, non vi è ancora alcuna previsione su quando Wi-Fly sarà commercializzato. Indubbiamente, dopo i satelliti SpaceX , è una delle tecnologie più promettenti per portare la connessione a luoghi lontani.