Lo spionaggio è incluso anche in piattaforme come Android TV. La ragione è semplice: la pubblicità. Molti saranno d’accordo sul ritenere che i televisori siano mezzi molto efficaci per distribuire e consumare pubblicità.

Alcuni consumatori sono sospettosi quando acquistano determinati dispositivi da alcune società, perché temono di essere spiati dal governo. È molto più probabile che lo spionaggio consista per lo più nel monitorare le abitudini della cliente, affinché si possano sfruttare i dati raccolti per commercializzare pubblicità più mirate. Questo sta già accadendo su più fronti, in particolar modo su Android TV.

Infatti, non solo le app sono in grado di tracciare le azioni degli utenti (per lo meno in relazione all’app), ma c’è una buona possibilità se possedete Android TV con Sony (o una Smart TV di Samsung, LG, Vizio, Roku o chiunque altro). Infatti, in questi casi, la TV è probabilmente abilitata per impostazione predefinita a “servizi di marketing interattivi”, “pubblicità personalizzata”, ” monitoraggio degli annunci “.

Android TV. come tanti altri dispositivi, spia cosa facciamo per proporci pubblicità su misura

Tuttavia, solitamente è possibile modificare le impostazioni e in genere disabilitare tale funzione. Qualcosa che è meno probabile che sia fattibile andando avanti a causa di ciò che è chiaramente un sistema sempre più diffuso. Una volta che l’industria raggiunge il punto critico in cui tutti consumano contenuti tramite un dispositivo basato su app, la necessità per i marketer e gli inserzionisti è garantire i dispositivi in grado di monitorare le attività.

Leggi anche:  Annunciati i prezzi delle Smart TV 4K HDR Sony per Android TV

I dati raccolti sono granulari (e quindi più utili per il targeting degli annunci individuali). Ad esempio, potreste aver visto un annuncio su un canale per un nuovo negozio di materassi nella vostra città. In futuro, vedrete un annuncio per un materasso specifico che capita di risolvere esattamente i problemi arretrati di cui soffrite e, casualmente, all’interno della fascia di prezzo desiderata.

Più precisamente, questo processo sta diventando comune con la prossima generazione di dispositivi Android TV (e con quelli di vecchia generazione che sono stati aggiornati). In parte ciò è dovuto al maggiore supporto per gli assistenti virtuali e / o la compatibilità con gli ecosistemi delle Smart Home.

Si potrebbe riuscire a stare alla larga da questi sistemi di monitoraggio sulle TV, ma è probabile che le stesse società stiano raccogliendo dati da altri prodotti. Infatti, soprattutto nelle case sempre più Smart sono ovunque.

Probabilmente non è un pensiero confortante che i consumatori dovranno adattarsi a questo nuovo standard, eppure sta diventando normale. Il rovescio della medaglia, tuttavia, c’è. Considerando l’esempio sui materassi, se davvero si ha bisogno di un materasso specifico, le pubblicità di Android TV saranno persino utili.