Le lamentele dei servizi Google sono tante quanti i servizi offerti. Ovviamente non mancano nemmeno i vantaggi e i lati positivi. Di recente, ad esempio, non molto tempo dopo che Google Assistant è stato aggiunto al Nexus Player per Android TV, il lettore multimediale digitale di Google ha iniziato a spegnere il telecomando senza alcuna ragione.

Sono tante le persone che hanno riportato il problema relativo al telecomando del Nexus Player su Issue Tracker di Google. Il colpevole di questo inconveniente pare sia un aggiornamento difettoso dei servizi di gioco. Tale versione del software, infatti, ha scatenato delle reazioni nel telecomando, il quale ha iniziato a spegnersi e accendersi, o rallentare ripetutamente, senza nessun motivo valido. La dinamica è simile ad un problema che NVIDIA ha risolto con SHIELD Experience 6.1 su SHIELD Android TV.

Stando a quanto dichiarato dai possessori di Nexus Player, il mancato utilizzo del telecomando per un determinato lasso di tempo (dai 5 ai 10 minuti) porta ad un suo spegnimento totale. Premendo un pulsante sul telecomando, si noterà la luce lampeggiare due o tre volte, dopodiché il telecomando torna nuovamente a funzionare ma solo per alcuni minuti.

Leggi anche:  Google propone la soluzione alla memoria piena direttamente dal Play Store

Il bug del telecomando Nexus Player non è dovuto ad Android 8.0 Oreo poiché molti hanno ancora la versione 7.1.2.

Il downgrade di Play Services mediante la disinstallazione degli aggiornamenti nelle impostazioni risolve temporaneamente il problema, ma non è una soluzione permanente. In tal modo si viene anche privati di Google Assistant, che non è l’ideale. Da ciò si deduce indubbiamente che l’aggiornamento difettoso dei Play Services è la causa dei danni al telecomando.

Questo problema di Nexus Player è stato riscontrato già un mese fa, Google è stato prontamente informato fin da subito. Nonostante ciò, a distanza di un paio di settimane, non c’è stata nessuna soluzione, si è in una fase di stallo. Le lamentele continuano ad esserci, gli utenti sono sempre più irrequieti.