Whatsapp, come qualsiasi altro social o strumento di comunicazione digitale, risulta essere sicuramente un mezzo perfetto per la propagazione di virus e file dannosi che possono fare molteplici danni. Se si effettua una rapida ricerca sul web si può evincere facilmente che esistano diversi sistemi per sfruttare questo mezzo di comunicazione in maniera illegale.

Ma non solo, durante tutti gli anni di attività di Whatsapp si può notare come sia aumentata enormemente la produzione di virus distribuiti su questa piattaforma o di truffe mirate a rubare i dati delle vittime ignare. Ma nonostante esista la possibilità di vedersi infettare il proprio telefono a causa di un virus è possibile porre rimedio mediante alcuni accorgimenti, arrivando a conoscere come un software dannoso riesca a sfruttare i punti deboli delle persone o del sistema operativo installato sullo smartphone.

Brevemente verranno date tutte le informazioni necessarie per potersi proteggersi da questo genere di problema in modo da evitare spiacevoli situazioni (come il furto di dati personali) e perdite di tempo.

Innanzitutto prima enunciare qualche soluzione per evitare i virus (o malware, trojan) su Whatsapp è necessario conoscere come questa tipologia di software dannoso operi e riesca ad infettare un telefono o un pc (in caso si prenda in considerazione la versione per computer del noto mezzo di comunicazione). Nella maggior parte dei casi una infezione di questa tipologia avviene a causa di un errore umano.

Questo fattore è soventemente sfruttato da parte dei creatori di virus, che tentano di realizzare nuovi sistemi più efficaci per fare in modo che sempre più individui facciano il medesimo errore, ossia aprire una falla nella sicurezza (se così si può chiamare) in modo che il codice infetto possa entrare liberamente nel dispositivo. Per errore umano si intendono tutte quelle azioni che possono provocare l’ingresso di un virus. Alcuni esempi sono sicuramente il download di file aventi una fonte non sicura, navigare su siti poco raccomandabili, cliccare su alcuni link contenuti in apposite email truffa. Nel peggiore dei casi, una volta commesso questo genere di azione, il virus ha già avuto accesso al sistema, infettandone aree specifiche e causando una notevole quantità di problemi.

Una volta chiarito come i virus riescano ad avere accesso ai dati privati si può iniziare a considerare qualche soluzione per evitare che tutto ciò accada. Prendendo in esame quello che si è detto precedentemente, si può evincere facilmente che per proteggersi è necessario prestare particolarmente attenzione a come si utilizza il proprio smartphone e ai messaggi che si leggono. In altre parole è possibile evitare di prendersi un virus evitando di cliccare su link forniti tramite un messaggio su Whatsapp se la fonte risulta essere insicura. Per constatare effettivamente questo genere di cosa è possibile effettuare una ricerca su internet, cercando di reperire informazioni sul messaggio ricevuto.

Il web può rivelarsi particolarmente utile dal momento che esistono moltissimi siti e blog dove gli utenti condividono questo genere di conoscenza in modo tale che gli utenti non cadano vittima di tranelli o truffe. Inoltre è da citare anche la presenza di numerose testate giornalistiche che in maniera molto veloce ed esaustiva riescono a pubblicare degli articoli in cui si avvisa l’utenza della possibile presenza di virus o tentativi di truffa. Un esempio sono sicuramente la grande quantità di testi pubblicati sul web che rivelano la presenza di codice dannoso diffuso mediante messaggi audio trasmessi mediante Whatsapp che possono arrivare a rubare le informazioni bancarie o personali, creando non pochi danni.

Come evitare di cadere nella truffa su Whatsapp

Un altro modo per evitare un’infezione da virus informatico mediante Whatsapp è l’utilizzo di programmi appositi, conosciuti anche come antivirus. Questo tipo di software ha al suo interno tutta una serie di strumenti e funzioni capaci di proteggere in tempo reale un qualsiasi dispositivo, scansionando continuamente tutte le comunicazioni in entrata e in uscita. In questo caso vi è da fare un discorso particolare, specie se si parlare della versione per PC di Whatsapp. I personal computer grazie alla moltitudine di attività che permettono di eseguire (come ad esempio scaricare file peer to peer o utilizzando programmi simili ad Emule) hanno anche modo di contrarre una infezione da virus o malware molto più semplicemente.

In questo modo buona parte dei file contenuti nel dispositivo appena citato risulteranno essere infetti e capaci di propagare l’infezione stessa. Quindi prima di inviare un qualsiasi file mediante Whatsapp sarebbe opportuno effettuare una scansione con l’antivirus. È anche vero però che chi riceve l’allegato da un contatto fidato o sconosciuto deve prestare particolarmente attenzione, evitando di scaricare ogni cosa ricevuta o in alternativa di aprirla senza aver fatto le dovute verifiche. Da diverso tempo ormai esistono gli antivirus anche per gli smartphone, che riescono a garantire una protezione ottimale a seconda dei casi. Quindi per evitare di prendere virus da Whatsapp è bene che si utilizzi questo strumento a disposizione, aggiornandolo continuamente (cosa che soventemente non viene fatta), evitando di tralasciare questo genere di dettagli al caso.
Un’altra delle maggiori cause di infezione da virus mediante Whatsapp è l’inadeguata protezione dei dispositivi equipaggiati con l’applicazione in questione, o in altre parole l’utilizzo di programmi che non forniscono un livello di sicurezza molto elevato. La scelta di un programma antivirus quindi si rivela fondamentale per poter evitare questo genere di problemi. Non tutti sono in grado di valutare correttamente ogni applicativo di questa tipologia, per questo motivo è bene affidarsi alla consulenza di persone esperte che possono consigliare diversi programmi da installare. In alternativa è possibile servirsi di internet per cercare eventuali recensioni di applicazioni antivirus, andando a leggere anche le opinioni degli utenti scritte all’interno dei vari store (come quello di Google o di Apple).
Infine è anche doveroso considerare il caso in cui il virus abbia già avuto accesso al dispositivo, infettando le aree critiche del sistema e ogni genere di file. Capire quando si verifica questo genere di situazione è un po’ complicato, ma può essere d’aiuto conoscere i sintomi che vengono a manifestarsi durante l’infezione da virus. Innanzitutto lo smartphone, tablet o pc equipaggiato con Whatsapp avrà dei notevoli rallentamenti, con conseguente blocco del sistema o chiusura inaspettata di alcune applicazioni. Da citare sicuramente anche la perdita di dati che diverranno inaccessibili o verranno direttamente cancellati dalla memoria. A seconda del livello d’infezione è possibile intervenire con un buon antivirus, eliminando i file infetti. Nei casi più gravi invece è vivamente consigliata la formattazione del dispositivo e delle schede di memoria, senza recuperare dati (che possono essere usati per veicolare l’infezione virale su altri supporti come computer o telefoni). In questo modo si otterrà come risultato la completa eliminazione del virus e il risolvimento di tutti i problemi legati ad esso e precedentemente citati.
Quindi ricapitolando, evitare virus da Whatsapp è possibile solo se si presta particolare attenzione a determinate cose, che sono:
gli allegati nei messaggi ricevuti dai propri contatti (conosciuti o sconosciuti), facendo in modo di non aprirli o scaricarli automaticamente;
i link non affidabili ricevuti da fonti poco sicure, evitando di aprirli;
Installando un antivirus adatto e tenendolo aggiornato.
Solamente in questo modo si riuscirà a tenere i propri dati al sicuro.