Samsung Galaxy Note 6
Il Samsung Galaxy Note 6 potrebbe essere commercializzato in Europa e in Italia?

Il Galaxy Note 6 potrebbe arrivare sul mercato prima di quanto si possa pensare. L’uscita anticipata potrebbe contrastare le vendite del prossimo iPhone, Samsung ha tutte le intenzioni di ripetere il trend positivo iniziato con i Galaxy S7.

È innegabile che la serie Galaxy Note sia sempre stata molto apprezzata dagli utenti e lo è sempre di più da quando i device con schermi superiori ai 5 pollici si sono diffusi e sono diventati la normale dimensione a cui tutti si sono abituati. Accompagnate alle grandi dimensioni del display sono sempre arrivate diverse novità con i phablet di Samsung e il Note 6 non sarà da meno.

La sesta generazione dei Note però dovrà affrontare l’ostico avversario di sempre, l’iPhone. Per questo motivo l’azienda sudcoreana sta pensando di anticipare l’uscita del famoso phablet arrivando sul mercato con qualche settimana di anticipo rispetto alla consueta tabella di marcia che vede la presentazione nella cornice dell’IFA di Berlino.

Samsung vuole continuare il trend positivo iniziato a febbraio con i nuovi Galaxy S7 che hanno fatto chiudere in positivo il primo trimestre. Per questo il Galaxy Note 6 dovrebbe arrivare sul mercato, a partire da quello statunitense, dal 15 di agosto. Per ora si tratta solo di un rumor di Evan Bass, uno che spesso anticipa notizie succulenti come questa.

Il rilascio anticipato consente di dare slancio alle vendite grazie all’opera del marketing e alle recensioni, ormai indispensabili prima di un acquisto, del Galaxy Note 6 in vista del lancio di iPhone 7 nel mese di settembre. Apple rilascerà l’iPhone 7, con molta probabilità, come dispositivo di fascia media, e l’iPhone 7 Pro sarà il terzo phablet di Cupertino (dopo il 6 Plus e il 6S Plus). Quest’ultimo sarà coinvolto in un confronto diretto con il Galaxy Note 6 e, come è noto, Apple non aggiunge molto all’hardware.

Cosa aspettarsi dal Galaxy Note 6?

L’hardware sarà di certo tra i migliori sul mercato. Quasi certi i 4GB di RAM e display quanto meno QHD (a meno di sorprese come la risoluzione 4K), i soliti 32 o 64GB di memoria interna espandibili tramite il graditissimo ritorno della microSD.

Naturalmente ci saranno diverse con processore Qualcomm ed Exynos, una S Pen rinnovata e tanto, tanto software. Android Marshmallow e subito dopo Android N. speriamo che il colosso coreano non faccia qualche brutto scherzo come con il Note 5 che ha inizialmente venduto solo al di fuori dell’Europa, staremo a vedere