otto
Otto, l’assistente personale di Samsung

Samsung presenta Otto, l’assistente personale per la casa sotto forma di robot. L’ultima invenzione della società sudcoreana è stata lanciata alla Samsung Developer Conference di San Francisco. La compagnia continua a manifestare il suo interesse per l’internet delle cose. Dopo aver fondato la piattaforma Artik un anno fa, arriva il primo prototipo del robottino.

Le capacità di Otto

Con il microfono integrato e una fotocamera HD per il riconoscimento dei volti, Otto è molto più che un semplice robot casalingo. L’apparecchio, infatti, è in grado di svolgere gli stessi compiti di un assistente digitale. Proprio come Siri o Alexa, può rispondere ad alcune domande e intavolare delle piccole conversazioni. Il robot offre aiuto durante le faccende quotidiane e controlla i dispositivi elettronici della casa. Le luci, i condizionatori e gli elettrodomestici possono essere gestiti, così, da remoto. Il prototipo, inoltre, rappresenta una valida alternativa alle telecamere di sicurezza. Questa, infatti, è già integrata nel suo sistema e può trasmettere le immagini registrate su smartphone e PC. Gli utenti, inoltre, possono modificare l’inclinazione e l’angolo della fotocamera anche da telefono.

Leggi anche:  iPhone X fa ricca Samsung: ecco quanto guadagnerà il brand per ogni device Apple venduto

Una sfida ad Amazon Echo

Otto ripropone le stesse possibilità offerte da Amazon Echo, dopo averle perfezionante e aumentate. Il colosso dell’e-commerce, infatti, aveva già sviluppato il suo primo assistente nel 2014. La società ha segnato un precedente, ma ha anche attirato l’attenzione di molte compagnie. La vendita di 3 milioni di unità nel primo mese del lancio ha aumentato gli investimenti in questo settore. L’internet delle cose e la domotica sono ormai terreno fertile in campo tecnologico.