Mercato smartphone
Mercato smartphone, registrata la crescita più bassa di sempre per il settore

Mercato smartphone, dopo il graduale rallentamento degli scorsi trimestri, il settore sembra stia attraversando un periodo di crisi e registra la più piccola crescita mai realizzata per il settore: “solo” 0,2% su base annua e 334.9 milioni di unità vendute nel mondo.

In uno studio effettuato dalla società americana di ricerca IDC (International Data Corporation), è emerso che il mercato globale degli smartphone è in procinto di affrontare una crisi senza precedenti. Secondo l’azienda, il risultato è attribuibile ad una « forte saturazione del mercato », oltre che al « declino, su base annua, dei due leader di settore Samsung ed Apple ».

La principale causa dello stallo del mercato è individuabile nel mutamento del settore, secondo le parole di Leslie Griffe, manager di “Fourpoints”« Siamo al cospetto di un mercato in fase di rinnovamento. Inoltre, attualmente, si conserva il proprio smartphone per un periodo di tempo più ampio rispetto al passato ».

Un altro elemento influenzante è rappresentato dall’assenza di vere rivoluzioni ed innovazioni nell’ultimo periodo. I più recenti modelli comparsi sul mercato, infatti, non hanno impressionato per migliorie rispetto a quelli precedenti. Le uniche modifiche apportate possono essere individuate a livello di dimensioni, a livello di comparto fotografico e a livello di prezzo, con un sostanziale aumento di quest’ultimo rispetto al passato. Perfino il design dei dispositivi non si è discostato di molto da terminali più anzianotti (basti pensare a quanto somiglino Samsung Galaxy S7 e Samsung Galaxy S6).

Mercato smartphone conquistato da aziende cinesi

Nonostante la presunta crisi, Samsung continua ad essere l’azienda più importante presente sul mercato, seguita immediatamente da Apple, le cui vendite sono calate nell’ultimo periodo di circa il 16%. Alle spalle dei due colossi, vi sono i marchi cinesi (la parte di mercato di Huawei ad esempio è cresciuta del 58,4% rispetto all’anno precedente), capaci di offrire terminali altamente preformanti a prezzi davvero competitivi. Oppo e Vivo spodestano, invece, Lenovo e Xiaomi, rispettivamente dalla quarta e dalla quinta posizione mondiale.

La situazione, però, non è così tragica come si vuole far credere. Sebbene il mercato stia vivendo una fase di stallo, parlare di crisi sembra eccessivo, visto e considerato quanto gli esseri umani siano diventati dipendenti dalle nuove tecnologie.