Facebook Reactions
Un utente digita una delle tante Facebook Reactions

Le Facebook Reactions sono approdate anche in Italia. Mark Zuckerberg ha lanciato, dopo un anno di test, i nuovi tasti da affiancare al classico “Mi piace” già presente sul social network più celebre del mondo dal 2010. Come facciamo a sapere quale di questi è più appropriato utilizzare nei vari post che visualizziamo ogni giorno?

Le 5 “nuove” emozioni

I nuovi cinque simboli o Facebook Reactions che affiancano il classico “Mi piace” sono:
Love, rappresentato da un cuore (introdotto per esprimere forte apprezzamento);
Haha, rappresentato da una faccetta sorridente (introdotto per esprimere gioia e umorismo);
Wow, rappresentato da una faccia stupita (introdotto per esprimere stupore, meraviglia o sgomento);
Sigh, rappresentato da una faccia triste (introdotto per esprimere dolore, rammarico, dispiacere);
Grrr, rappresentato da una faccetta rossa e molto arrabbiata (introdotta per esprimere forte rabbia, repulsione).

Ognuno di questa Facebook Reactions può essere utilizzata in base al post che stiamo leggendo. Se ad esempio vogliamo far capire che siamo d’accordo con il contenuto del post possiamo semplicemente utilizzare “Mi piace”. Se, invece, il post riporta una notizia che fa suscitare in noi uno dei sentimenti rappresentati dalle Facebook Reactions, sarebbe appropriato utilizzare la emoji che più rappresenta i nostri sentimenti.

Leggi anche:  Facebook, in arrivo il riconoscimento facciale per il login

Come attivare le Facebook Reactions

Per attivare le nuove Reactions basta tenere premuto “Mi piace” sui dispositivi mobili, mentre dal PC le nuove Reactions si attivano al passaggio del cursore del mouse. La società di Mark Zuckerberg ha spiegato in una nota ufficiale i motivi che hanno portato Facebook ad introdurre questa novità sulla piattaforma: “Oggi le persone accedono a facebook per condividere qualsiasi genere di storia felice, triste, divertente o provocatoria che sia. Abbiamo quindi pensato che i nostri utenti sarebbero stati contenti di avere nuovi modi per esprimere i propri sentimenti“.