Galaxy S7 avrà un digitizer Touch IC proprietario

Il nuovo Galaxy S7 potrebbe essere equipaggiato con un digitizer Touch IC proprietario di Samsung. Questo permetterebbe alla Società di non dipendere più da fornitori esterni e di massimizzarne la produzione introducendolo su più dispositivi.

samsung-galaxy

Samsung Galaxy S7 più indipendente che mai. Il colosso giapponese sembra intenzionato ad implementare sul nuovo top di gamma un digitizer Touch IC proprietario sviluppato dalla stessa Società nei reparti aziendali interni Samsung Electronics LSI Business Department e Wireless Business Department.

Negli ultimi anni la compagnia giapponese si è impegnata sempre di più per produrre da sé l’hardware dei suoi dispositivi, a partire dai SoC Exynos, dai pannelli Amoled, dalle memorie e le batterie. Tuttavia per quanto il digitizer Touch IC, Samsung, come tutti gli altri produttori, finora si è appoggiato a terzi, in particolare a Synaptics e ST Microelectronics.

All’orizzonte ci sarebbero grandi cambiamenti in questo settore, in quanto secondo gli ultimissimi rumors di oggi provenienti direttamente dalla Corea, con il prossimo flagship Galaxy S7, dovrebbe debuttare anche la prima generazione di digitizer Touch IC proprietario di Samsung.

synaptics-s5100a-controller-galaxy-s5
Controller Synaptics s5100a implementato sul Samsung Galaxy S5

Ora sorge la domanda: “che cos’è questo digitizer Touch IC?” In pratica, ci si riferisce a quella parte del display touch che è responsabile della conversione degli impulsi elettrici delle nostre dita; In altre parole, si può dire che un display è touch quando i “tap” vengono trasformati in input. Oggigiorno, praticamente tutti i dispositivi che utilizziamo sono touch e in un modo o nell’altro questo digitizer è un componente hardware indispensabile e di vitale importanza perché dev’essere il più possibile preciso e affidabile.

Leggi anche:  Samsung Galaxy Note 8: una mod alla camera permette riprese in QHD a 60FPS

Per Samsung avere un digitizer proprietario è sicuramente un grande vantaggio perché gli permetterebbe sia di non dover più dipendere da fornitori esterni, ma anche di incrementarne la produzione e implementare il suo Touch IC sui propri smartphone e tablet, sugli smart tv, i navigatori, i notebook e in generale qualsiasi dispositivo elettronico. L’obbiettivo di Samsung potrebbe proprio essere quello di diventare lui stesso un fornitore.

In definitiva, non resta che attendere il prossimo Mobile World Congress ancora per qualche settimana per scoprire se tutte le indiscrezioni riguardo al nuovo Samsung Galaxy S7 si riveleranno vere.