WWf calendario animali estinzione

Il WWF ci spiega quali sono le specie animali in via di estinzione e lo fa grazie ad un calendario per il nuovo anno. Dopo averci prospettato un futuro non troppo roseo per alcune città italiane, ecco un’altra serie di immagini esaustive direttamente dal mondo animale che mira a sensibilizzare le nostre coscienze.

Si sa, ogni fine anno porta con sè una sequela piuttosto varia di calendari fra i quali scegliere. Quello del WWF del 2016 è stato pensato probabilmente sulla scia di altri eventi che lo hanno preceduto, come le immagini che, nei giorni scorsi, hanno illuminato la Basilica di San Pietro a Roma o, ancora, in linea con la COP21 di Parigi tenutasi da poco.

“Salviamo le specie tutto l’anno: nel mondo sono migliaia quelle in pericolo“. È questo il messaggio che il WWF vuole diffondere attraverso una serie di immagini che faranno da contorno nelle case di chi vorrà possederne una copia. 12 mesi, ognuno con uno scatto d’autore. Protagoniste le specie più belle del pianeta ma, sfortunatamente, anche quelle più a rischio. Un progetto realizzato interamente con carta FSC, la stessa che garantisce una provenienza del materiale da legno di foreste gestite in maniera responsabile.

Un viaggio attraverso la fotografia

Natura e animali. Sono questi i temi che accompagneranno i mesi del 2016. Il primo mese, nonché la copertina, sono dedicati alle montagne innevate dell’Asia dove il protagonista assoluto è il leopardo delle nevi. Minacciato di estinzione a causa di bracconieri senza troppi scrupoli, questo animale soffre la presenza spesso sgradita dell’uomo. Basti pensare che, a causa della presenza umana, il meraviglioso e imponente animale ha patito negli ultimi 16 anni il 20 per cento di perdite. E una delle cause accertate sono i cambiamenti climatici. Dovuti all’uomo, ovviamente.

Un monito, quindi, per l’uomo che dovrebbe essere in grado di trovare una soluzione prima che elefanti, orsi polari, rinoceronti, tigri e poi pappagalli e tartarughe marine (tutte specie anch’esse ritratte e a rischio) possano scomparire per la riduzione dei propri habitat naturali, come foreste e coste selvagge.

Un pensiero per Natale, dunque. Basta una donazione di 12 euro, infatti, per  riceverlo direttamente tramite la piattaforma digitale Pandagift.it. In tal modo, si contribuirà al sostenimento di oltre 2 mila progetti di conservazione della natura e delle specie.

Leggi anche:  Cambiamenti climatici, l'incredibile video in timelapse della NASA