asteroide 2015 TB145

Un asteroide ci sfiorerà ad Halloween. Il “terribile” incontro avverrà il giorno della celebre festa e sarà tanto “pauroso” che la roccia spaziale si è meritata l’appellativo “spooky”, pauroso appunto.

Il grande asteroide, sostengono gli scienziati Nasa, non costituisce problema per il nostro pianeta. Tanto da catalogarlo come “cometa”. Delle dimensioni di circa 400 metri, l’asteroide 2015 TB145, questo il suo reale nome scientifico, transiterà nei nostri pressi a, ovvero solo 1,3 volte la distanza media tra il nostro pianeta e la Luna.

Sebbene 2015 TB145 non costituisca una minaccia nel corso di questo passaggio, il flyby segnerà l’incontro più vicino con una così grande roccia spaziale fino ad agosto 2027. Ossia quando un altro oggetto cosmico di 800 metri, tale 1999 AN10, si avvicinerà a noi a circa 385 mila chilometri.

Gli astronomi monitoreranno 2015 TB145 il giorno di Halloween grazie agli osservatori dislocati in varie parti del mondo. Prima fra tutte, la struttura del Deep Space Network della NASA, a Goldstone in California, per poi raccogliere i segnali riflessi con il telescopio di Green Bank in West Virginia e l’Osservatorio di Arecibo a Puerto Rico. Tale lavoro dovrebbe rivelare dettagli chiave che riguardano le dimensioni della roccia spaziale, la sua forma, le caratteristiche della superficie e, forse, la sua vera identità.

L’asteroide sarà visibile anche dall’Italia

“L’orbita dell’asteroide è molto oblunga, con una forte inclinazione al di sotto del piano del sistema solare”, spiega Lance Benner, del Jet Propulsion Laboratory della NASA. “Una tale orbita unico, insieme alla sua alta velocità di incontro – circa 35 chilometri o 22 miglia al secondo – solleva la questione se possa essere un qualche tipo di cometa”. Ed ha aggiunto, concludendo: “Se è così, allora questa sarebbe la prima volta che il radar di Goldstone ha ripreso una cometa da una tale distanza ravvicinata”.

Leggi anche:  Cambiamenti climatici, l'incredibile video in timelapse della NASA

L’asteroide 2015 TB145 sarà troppo debole da individuare ad occhio nudo. Ma chiunque sia interessato potrà seguirne il passaggio online, come di consueto, grazie alla Slooh Community e al Virtual Telescope, rispettivamente dalle 18 del 31 ottobre o dalle 01:00 del 31 ottobre.

l’asteroide 2015 TB145

2015 TB145, scoperto di recente (il 10 ottobre scorso), compierà un giro intorno al Sole ogni tre anni. Fa parte dei cosiddetti Near Earth Objects (NEO), ossia oggetti cosmici che formano una vera e propria popolazione di milioni di esemplari attorno alla Terra. A oggi, si contano circa 13 mila NEO tra quelli rilevati. Ciò significa che ci sono ancora diverse rocce spaziali potenzialmente pericolose e invisibili. Ma c’è una buona notizia: i ricercatori suggeriscono che circa il 95 per cento dei più grandi NEO (ovvero quelli che potrebbero minacciare la civiltà umana se dovessero colpire la Terra) sono stati scoperti. E nessuno di questi costituisce pericolo per il prossimo futuro.