sony
Sony non abbandonerà il mercato smartphone

Sony ha negato categoricamente qualunque voce o speculazione riguardo l’abbandono della divisione mobile nel prossimo futuro, affermando al contrario che l’azienda punterà maggiormente su questo settore proponendo nuovi smartphone con caratteristiche migliori.

Che Sony non stesse navigando in buone acque già da un po’ è cosa risaputa. Il colosso giapponese non riesce a stare al passo di aziende più blasonate come Samsung ed Apple, nonostante il continuo lancio di smartphone top di gamma nel corso dell’anno. In molti attribuiscono questo fallimento alla mancanza di originalità da parte di Sony, che da qualche anno a questa parte propone una serie di dispositivi molto simili con qualche piccolo cambiamento dal lato hardware.

Qualche settimana fa il CEO di Sony ha dichiarato che avrebbe cominciato a pensare a delle alternative se anche il 2016 dovesse chiudersi con un bilancio in negativo. In molti hanno subito letto in queste parole la volontà dell’azienda di vendere la divisione mobile in futuro rinunciando per sempre al mercato degli smartphone. Niente di più falso, poiché il dirigente di Sony Taiwan, Jonathan Lin, ha categoricamente negato queste speculazioni.

Leggi anche:  PS4: oltre i 70 milioni di vendite e PSVR oltre i 2 milioni, è record

Sony non abbandonerà mai il mercato degli smartphone

Durante l’evento di lancio del Sony Xperia Z5 in Taiwan, il dirigente della divisione ha citato una conversazione avvenuta con il CEO di Sony qualche giorno prims, confermando che l’azienda non ha alcuna intenzione di abbandonare questo settore in futuro, ma che al contrario continuerà a puntare maggiormente sul mercato mobile proponendo nuovi smartphone con display e fotocamere migliori e una migliore esperienza utente generale. L’azienda è stata la prima al mondo a presentare un dispositivo con display 4K, Xperia Z5 Premium, dunque abbiamo ragione di credere che ci sia del vero in questa dichiarazione. Speriamo soltanto che Sony riesca in futuro a diversificare maggiormente l’offerta, proponendo smartphone non troppo simili tra loro.