office-365-logo-3original

Meno di un mese dopo il suo lancio negli Stati Uniti, Microsoft ha rilasciato Office Mobile per i telefoni Android in altri 14 mercati asiatici, tra cui Hong Kong, India, Corea e Singapore.

L’applicazione permette agli utenti di accedere ai programmi Office classici come Word, Excel e PowerPoint, nonché messaggi istantanei dai loro telefoni.

“La linea di demarcazione tra i dispositivi personali e di lavoro è stata offuscata”, dice Christine Chen, General Manager della divisione Microsoft Office nella regione Asia-Pacifico. La tecnologia attuale consente il prolungamento e la flessibilità degli orari di lavoro con l’utilizzo di device non solo per inviare messaggi, ma anche documenti di lavoro, appunto.

I documenti, che possono essere inviati su desktop o dispositivi mobili, sono memorizzati nel cloud attraverso SkyDrive o SkyDrive Pro in modo che le modifiche salvate vengono automaticamente visualizzate tra i dispositivi.

I programmi sono stati ottimizzati per piccoli schermi e per supportare diagrammi, grafici e animazioni. I documenti recenti si possono visualizzare su computer e appariranno sul telefono e documenti di posta elettronica e gli allegati possono essere modificati nello stesso formato.

Una volta limitato esclusivamente ai telefoni Windows e tablet Surface, l’applicazione sembra essere ancora ottimizzata per i dispositivi Windows Phone 8, dove è pre-installato Office Mobile.

L’applicazione, scaricabile su Google Play, è gratuita ma disponibile solo per gli abbonati di Office 365, una versione in abbonamento di Office cloud-based. È progettato per i dispositivi Android 4.0 e non è per i tablet.

Altri mercati asiatici inclusi nella release sono il Bangladesh, Cambogia, Fiji, Indonesia, Laos, Malesia, Papua Nuova Guinea, Filippine, Sri Lanka e Taiwan.

In Italia l’applicazione non è ancora disponibile ma stiamo seguendo la sua diffusione nel mondo, annunciato il rilascio per Android il 31 luglio negli USA, in attesa che arrivi quanto prima nel nostro paese che ancora una volta si dimostra essere tra gli ultimi a ricevere le novità sia hardware che software del mondo della tecnologia in generale.

Mi chiedo quale sia il motivo di questa limitazione nei nostri confronti, se dovuta alla scarsa considerazione internazionale dell’Italia o a meri interessi economici in quanto spendiamo poco in app sul Play Store e in generale nel mondo della tecnologia. Lascio a voi l’ardua sentenza.

via