zte_logo_1

ZTE ci ha appena rilasciato un comunicato stampa per informarci della nuova nata partnership con EA che porta la migliore esperienza di mobile gaming agli utenti di smartphone ZTE.

Il comunicato stampa è il seguente e per gli appassionati di gaming e di Real Racing 3 consiglio di leggerlo:

“Siamo entusiasti di estendere la nostra collaborazione con ZTE”, ha commentato Glenn Roland, Vice Presidente New Platforms e OEM di EA. “Più di 285 milioni di utenti registrati in tutto il mondo si divertono già con i nostri giochi. Questa partnership accelererà la nostra capacità di fornire a un numero ancora più elevato di utenti un’eccellente esperienza di mobile gaming attraverso i dispositivi ZTE”.

I consumatori si divertono a giocare sui loro dispositivi mobili. Sulla base di analisi condotte da terzi, gli utenti statunitensi passano una media di 2 ore e 38 minuti al giorno su smartphone e tablet e il 32% di questo tempo è dedicato ai giochi.

“Vogliamo fornire un’ottima esperienza di gioco su dispositivi mobili collaborando con i migliori sviluppatori e aziende produttrici del settore”, ha dichiarato George Hou, VP ZTE Handset Division. “I consumatori conoscono e amano i giochi EA e riteniamo che precaricandoli sui nostri dispositivi offriremo loro un motivo in più per acquistare i dispositivi ZTE e potenziare la loro esperienza con i nostri smartphone”.

Secondo dati IDC, ZTE è una delle prime cinque aziende produttrici di dispositivi di telefonia mobile e smartphone al mondo. “L’obiettivo di ZTE è quello di raggiungere una delle prime tre posizioni globali entro tre anni e dare vita a un marchio tra i primi 5 al mondo”, conclude Hou.

Progetto ambizioso quello di ZTE che con questa mossa ha sicuramente fatto un passo nella direzione giusta anche se entrare a far parte dei primi tre produttori vuol dire scansare colossi del calibro di HTC, LG e Nokia, quest’ultima è ormai su una china discendente avendo deciso di non utilizzare Android come OS.

Leggi anche:  Smartphone: nuova incredibile sentenza sulla vicenda tumori