One il top di gamma di HTC arrivato nella nostra redazione per la recensione grazie a Globalworkmobile.com dove lo potrete acquistare a 609€.

Quello che colpisce di questo One è sicuramente l’estetica della scocca in alluminio che rende lo smartphone elegante ma anche pesante per avere un display da 4,7 pollici. Andiamo con ordine e analizziamo nel dettaglio ogni sua parte come è nostra abitudine.

Confezione

La confezione, come visto anche nell’unboxing, è diversa dalle solite confezioni a cui siamo abituati con gli smartphone. All’interno troviamo come al solito l’alimentatore, il cavo USB/microUSB, la manualistica le cuffie in ear della Beats Audio e lo smartphone. La batteria da 2300mAh non è presente in quanto la cover non è rimovibile e quindi è già inserita nel corpo unico del One. All’interno della confezione troviamo anche lo strumento per estrarre la guida dove va alloggiata la microsim. La durata della batteria è buona e si può arrivare a sera con un uso moderato.

Dimensioni e materiali

La qualità costruttiva è innegabile, la scocca in alluminio con gli inserti in gomma rendono l’aspetto del One molto elegante e la forma è sicuramente particolare con la leggera concavità posteriore. Il display da 4,7 pollici a 468 ppi, SuperLCD 3, Full HD, 1920 x 1080p a 16 milioni di colori è protetto da un Gorilla Glass 2. Le dimensioni dell’HTC One sono di 137,4 x 68,2 x 9,3 mm per 143 grammi di peso.

Aspetto

Le dimensioni sono importanti, nettamente più ingombranti del Galaxy S4, e il peso si sente. Probabilmente questo è dovuto al fatto che sono stati inseriti i due speaker nella parte anteriore, sopra e sotto il display, che rende molto bene i suoni ma che sono sicuramente ingombranti. Nella parte anteriore troviamo anche il led di stato sotto la griglia dello speaker superiore e i due sensori di prossimità e luminosità. Oltre la fotocamera da 2.1 Mp in basso si trovano al centro la scritta htc e ai lati due tasti capacitivi che hanno diverse funzioni. Sul lato destro troviamo il bilanciere del volume e sul sinistro il cassettino per la micro sim. Sul bordo superiore troviamo il jack audio da 3.5 millimetri ed il tasto di accensione/blocco con porta iRDA. Parte inferiore con microfono e porta microUSB/MHL. Sul retro, oltre alla fotocamera con flash a LED troviamo il secondo microfono per il sistema di riduzione del rumore ambientale.

Come vedrete nella video recensione a fine articolo il tasto di accensione/spegnimento non è facile da raggiungere con una sola mano. La qualità del display non si discute e alla luce diretta del sole è quello che ha una visione migliore rispetto agli smartphone da me provati (S4 compreso).

Hardware

Come detto il One è un dispositivo monoblocco in cui sono alloggiati una memoria di 32 GB, di cui 6 GB dedicati al sistema, un processore Qualcomm Snapdragon 600 quad-core da 1,7 GHz e una GPU Adreno 320, 2 GB di RAM DDR2. Grazie a queste caratteristiche la fluidità del sistema non ha eguali e i “soli” 6 GB di memoria occupati sono dovuti a una scarsa personalizzazione di Jelly Bean da parte di HTC.

La parte radio supporta le reti quadribanda GSM/GPRS/EDGE, quadribanda HSPA/WCDMA e tribanda LTE (800/1800/2600MHz). La connettività è assicurata dal Bluetooth 4.0, Wi-Fi IEEE 802.11 a/ac/b/g/n, DLNA, USB2.0 con MHL, porta infrarossi, NFC e jack audio da 3.5mm. Tra le altre caratteristiche troviamo un sistema di ricezione satellitare GPS/GLONASS, bussola digitale, giroscopio, accelerometro, radio FM e tecnologia Beats Audio.

La fotocamera posteriore è da 4 Mp con tecnologia UltraPixel di HTC, sensore BSI da 1/3, HTC ImageChip 2 dedicato, apertura F2.0, obiettivo da 28 mm e stabilizzatore ottico d’immagini (OIS). Lo “Smart Flash” offre cinque livelli di flash impostati automaticamente in base alla distanza dal soggetto. L’interfaccia utente, unica per fotocamera e videocamera, permette di impostare diverse modalità di scatto, modalità di registrazione ed applicare effetti in tempo reale.  Possibile la registrazione video in slow motion con riproduzione a velocità variabile, il ritocco con funzioni di rimozione oggetti, ritocco di gruppo e scatti in sequenza. L’HDR è possibile sia per le foto che per i video.

A parte la dotazione, che ormai si può definire standard per un top di gamma, devo dire che la fotocamera mi ha convinto molto poco. Le immagini sono poco nitide e presentano sgranatura se effettuate con lo zoom al massimo, lo stesso vale per i video. In condizioni di luce scarsa la situazione va peggiorando. Anche la galleria mi convince poco, ad esempio, i video si trovano all’interno della galleria ma non facilmente accessibili se non dopo aver preso confidenza con la Sense 5. Invece molto carina e accattivante la possibilità di poter vedere un’anteprima di tutti i contenuti delle immagini con un video montato in automatico con tanto di colonna sonora che potete anche cambiare modificando anche il tipo di montaggio delle immagini.

Leggi anche:  RECENSIONE Noontec Hammo Wireless: le cuffie senza fili per chi vuole una buona qualità sonora

Software

L’HTC One supporta nativamente Android Jelly Bean 4.1.2 con interfaccia utente Sense 5 di HTC. Nella homescreen troviamo Blinkfeed una pagina a scorrimento verticale completamente personalizzabile scegliendo contenuti di social network, news e feed che verranno costantemente aggiornati. Sulla parte alta di BlinkFeed troviamo l’orologio ed il meteo, con animazioni in stile HTC. Decisamente poco utile Blinkfeed, fatta molto bene l’app meteo e quella dell’orologio. Chiaramente la homescreen è personalizzabile, mentre il menù applicazioni non lo è. Il livello di personalizzazione che possiamo apportare a questo HTC One è molto basso e se provenite da terminali Samsung la cosa vi sembrerà molto strana e anche un po’ frustrante. Il colore di fondo è il nero senza possibilità di variare. Interessante la funzione di trasferimento dati da un altro terminale, di qualunque sistema operativo, al vostro nuovo HTC One.

Il browser web è davvero molto veloce sia nel caricamento che nella renderizzazione delle pagine. La navigazione è sempre molto fluida, senza nessun tipo di rallentamento. HTC offre “di serie” la possibilità di attivare il flash player che comunque non andrà ad incidere notevolmente sulle prestazioni. Presente la visualizzazione delle pagine in modalità desktop. Alcune pagine vanno viste necessariamente in versione desktop e con flash player attivato, nella navigazione è da preferire l’utilizzo di Chrome che del browser stock.

Con Sense TV è possibile utilizzare l’HTC One come un vero e proprio telecomando a raggi infrarossi “evoluto”. Oltre a selezionare i canali TV è possibile accedere alle guide ai programmi, regolare l’audio, trovare i programmi preferiti ed essere avvisati quando inizia una trasmissione.

tv

Parte telefonica

Uno dei comparti che maggiormente mi ha colpito in questo One è quello telefonico. Decisamente ottima la qualità di ascolto e la trasmissione della nostra voce, superiore a qualunque altra provata prima. La qualità sonora si mantiene ad altissimi livelli anche in viva voce. La ricezione del segnale, ho notato, a volte diminuisce non in maniera drastica, ma diminuisce. Il volume della suoneria è molto alto e aumenta se messo in tasca o in borsa con un’apposita funzione.

Anche il segnale wifi è buono ma nettamente battuto da una prova personale con il mio Galaxy S2 che riceveva  e manteneva il segnale wifi laddove il One non riusciva nemmeno a trovarlo.

Messaggistica

Anche in questo caso il One è promosso a pieni voti. Una tastiera eccezionale altamente personalizzabile con grande capacità di previsione del testo e precisione della scrittura. La tastiera mi ha veramente colpito come nessun’altra prima.

Per quanto riguarda le mail niente da segnalare se non la possibilità di poter visualizzare account diversi in un’unica app.

Conclusioni e giudizio

L’HTC One è senza ombra di dubbio uno dei migliori telefoni da noi provati con un’estetica accattivante e una fluidità eccezionale. La parte telefonica è uno dei cavalli di battaglia di questo smartphone che in fin dei conti sempre di telefono si tratta. Entusiasmante la tastiera che consente di poter scrivere tranquillamente e con qualunque tipo di personalizzazione preferiate. Altro punto a favore: il lavoro fatto dalla Beats per l’audio che si percepisce bene e anche molto, senza fruscii o disturbi di alcun genere, anche con il volume al massimo. Anche il display è da inserire tra gli aspetti positivi del One con un ottima visibilità in piena luce. Il GPS è fulmineo appena si attiva un’app che lo utilizzi in quanto sempre attivo in background.

Le note negative che stonano in un concerto che altrimenti sarebbe stato un virtuosismo sono la tanto decantata fotocamera ultrapixel che di ultra non ha veramente niente, la poca personalizzazione dei vari aspetti che caratterizzano i nostri smartphone quali homescreen e schermata delle applicazioni, per citarne due. Anche il peso e le dimensioni generose sono da inserire negli aspetti negativi in particolare se paragonate a quelle dell’S4 che con un display da 5 pollici è decisamente più leggero e maneggevole. E, infine, ha il problema del riscaldamento che mi sembra abbastanza eccessivo.

In definitiva non si può negare che HTC One ha tutte le carte in regola per competere con i grandi anche se gli sarebbe bastato veramente poco per riuscire a surclassare tutti. A mio giudizio una fotocamera decente e una maggiore possibilità di personalizzazione avrebbe potuto portare HTC One in cima ad un monte difficilmente scalabile dai concorrenti.

Vi lascio ad alcune immagini scattate con la fotocamera del One e alla video recensione in cui vedrete all’opera il dispositivo.