ragniAlcuni ricercatori hanno ucciso dei ragni per utilizzarli in sostituzione delle pinze meccaniche in un macabro esperimento. Gli ingegneri della Rice University hanno sviluppato i “necrobot” basati su una ricerca esistente riguardante l’utilizzo di materiali non tradizionali come idrogel ed elastomeri, in questo caso utilizzando ragni.

“Questa area della robotica è molto divertente perché possiamo utilizzare tipi di materiali precedentemente non sfruttati”, afferma Daniel Preston della George R. Brown School of Engineering della Rice University. “Il ragno cade in questa linea di indagine. È qualcosa che non è stato fatto prima, ma ha un grande potenziale”.

I ragni usano movimenti ben preciso per muovere gli arti, piuttosto che i muscoli. Una camera vicino alla loro testa si contrae per inviare sangue agli arti e quando si espande le gambe si estendono. “Stavamo spostando delle cose nel laboratorio e abbiamo notato un ragno raggomitolato sul bordo del corridoio. Eravamo davvero curiosi di sapere perché i ragni si rannicchiano dopo essere morti.”

Ragni usati come se fossero pinze meccaniche: nuovo esperimento sfruttandone gli arti

I ragni non hanno coppie muscolari antagoniste, come bicipiti e tricipiti negli esseri umani, ma piuttosto hanno muscoli flessori che si arricciano ed estendono. Questo è il motivo per cui, quando i ragni muoiono, si rannicchiano, perché hanno perso la capacità di pressurizzare attivamente i loro corpi. I ricercatori hanno attinto alla camera del prosoma citata prima, che controlla le zampe, con un ago e una supercolla. L’altra estremità dell’ago è stata collegata a una siringa per fornire aria alle gambe.

“Ci sono molte attività che potremmo esaminare, attività ripetitive come lo smistamento o lo spostamento di oggetti su queste piccole scale, e forse anche cose come l’assemblaggio di microelettronica“. Si potrebbe anche pensare ad una soluzione per catturare insetti più piccoli, per la sua mimetica intrinseca. “I ragni, inoltre, sono biodegradabili. Quindi non stiamo introducendo un grande flusso di rifiuti, che può essere un problema con componenti più tradizionali”.

Avatar
Procrastinatrice cronica e allo stesso tempo perfezionista. Innamorata perdutamente delle scienze umanistiche. Nel 2017 ho iniziato a lavorare per Tecnoandroid, riscoprendo e consolidando anche la passione per la tecnologia.