la-casa-di-carta-5-destino-di-tokyo-distruggere-serie-tv-netflix

Il vero destino di Tokyo potrebbe distruggere definitivamente La Casa di Carta 5. Ecco le ultime teorie su questa serie TV Netflix che sembra ormai essere sull’orlo del declino. Dopo i primi cinque episodi della sua quinta stagione, molti hanno ipotizzato qualcosa che sembra non essere così lontano dalla realtà dei fatti e dalle menti dei creatori, tra cui Álex Pina. Paradossale, incredibilmente inverosimile e surreale sono alcuni degli aggettivi con cui la critica ha definito il possibile seguito degli ultimi episodi che usciranno il 3 dicembre 2021.

 

La Casa di Carta 5: il destino di Tokyo rivelerebbe qualcosa di inaspettato su questa serie TV Netflix

Continua il successo de La Casa di Carta 5. Tra le Top Ten non manca questa serie TV che ha tenuto incollati agli schermi milioni di fa dopo l’uscita dei primi cinque episodi della sua quinta e ultima stagione.

Tuttavia qualcosa sembra non funzionare negli ingranaggi della trama. A molti sta sembrando strano (attenzione spoiler) che Tokyo sia morta con il quinto episodio dell’ultima stagione della serie TV. Questo perché, a ragion del vero, ne La Casa di Carta 5 è stato uno dei personaggi centrali. Non solo come protagonista di scene d’azione mozzafiato, e a tratti esagerate, ma anche per la voce narrante fuori campo.

Sembra che molti stiano pensando al fatto che Tokyo non sia realmente morta ne La Casa di Carta 5, ma in un modo o nell’altro sia riuscita a salvarsi dalle mani di Gandía e dell’esercito. Un’ipotesi che fatichiamo a far stare in piedi. Nondimeno sembra essere la più preponderante.

Tale idea potrebbe permettere ai produttori di percorrere due strade. La prima si realizzerebbe in un colpo di scena con l’arrivo degli ultimi 5 episodi il 3 dicembre 2021. La seconda invece in uno spin-off del personaggio che si presterebbe a una narrazione unica e singolare.

Insomma, fino a che non arriveranno gli ultimi cinque episodi, le notizie de La Casa di Carta 5 non si fermeranno e continueranno a farci balzare sulla sedia. O per lo spavento, o perché si prevedono intrighi davvero sensazionali ed emozionanti, come quello anticipato dall’ultimo videoclip pubblicato da Netflix.