Huawei, Mate X2, smartphone pieghevole, foldable, Samsung, Xiaomi, OPPO, Google

Ad inizio settimana, Huawei ha presentato al mondo il nuovissimo Mate X2. Si tratta della seconda generazione dello smartphone pieghevole realizzato dall’azienda cinese. La commercializzazione del device è iniziata il 25 febbraio e come era possibile immaginare, il produttore ha realizzato solo poche unità per la prima fase.

Tuttavia, i bagarini sono immediatamente entrati in azione, acquistando gran parte delle scorte disponibili. Questa situazione ha comportato che sugli store ufficiali il Huawei Mate X2 risulta esaurito, ma stanno comparendo tantissimi annunci sui siti di compra/vendita esterni.

Come se non bastasse, il prezzo di vendita per lo smartphone pieghevole è nettamente più elevato rispetto al prezzo di lancio di Huawei. Il produttore cinese ha fissato costo del device a circa 2300 euro per la variante da 256GB e 2400 euro per la versione da 512GB.

Huawei Mate X2 risulta introvabile sui canali ufficiali a causa dei bagarini

Queste cifre lasciano intendere che si tratta di un device estremamente esclusivo. Tuttavia, per i bagarini non è abbastanza in quanto i Mate X2 avvistati sui siti esterni hanno un prezzo maggiorato. Le cifre oscillano tra 1200 a 2500 euro in più rispetto al prezzo di listino.

La situazione è estremamente simile a quella che sta colpendo le console next-gen. Gli utenti non riescono ad acquistare PlayStation 5 e Xbox Series X in quanto ogni nuovo stock viene acquistato in massa dai bagarini.

Gli store vengono presi d’assalto dai bot che eseguono centinai di transazioni per acquistare tutte le scorte. Terminate le console presenti sui canali ufficiali, ecco comparire annunci di vendita per gli stessi prodotti appena acquistati e rivenduti a prezzi maggiorati.