blank

Giovedì 28 gennaio, è stato il Giorno della Memoria, e la NASA ha commemorato il 35 ° anniversario dell’esplosione dello space shuttle Challenger, ricordando il momento cruciale del “dolore”.

Un giorno doloroso che viene commemorato da tutti gli americani

“Trentacinque anni fa oggi, la NASA e la nazione hanno perso sette della nostra famiglia in un momento che ha lasciato un segno temporale nella storia americana – un momento ‘Dov’eri quando …’ creato solo quando i sogni condivisi e i valori di una nazione si scontrano dolore condiviso”, ha detto l’amministratore della NASA Steve Jurczyk sul sito web ufficiale.

Il Challenger è stato lanciato dal Kennedy Space Center di Cape Canaveral, in Florida, il 28 gennaio 1986. Settantatre secondi dopo il decollo, la navetta è esplosa a causa di quello che sarebbe stato determinato come un ripetitore a razzo solido difettoso. Tutte e sette le persone a bordo sono morte: Gregory Jarvis, Judith Resnik, Dick Scobee, Ronald McNair, Mike Smith, Ellison Onizuka e Christa McAuliffe.

McAuliffe doveva essere il primo insegnante nello spazio. McNair, astronauta e fisico, è stato il secondo nero americano a volare nello spazio. Il disastro ha suscitato lutto e cordoglio da tutto il mondo.

“Non li dimenticheremo mai, né l’ultima volta che li abbiamo visti, stamattina, mentre si preparavano per il viaggio e salutavano e ‘hanno sciolto i legami scontrosi della terra’ per ‘toccare il volto di Dio'”, l’allora presidente Ronald Reagan ha detto nel suo elogio.

L’allora leader sovietico Mikhail Gorbachev scrisse a Reagan: “Partecipiamo al tuo dolore per la tragica morte dell’equipaggio dello space shuttle Challenger. Esprimiamo le nostre condoglianze al popolo degli Stati Uniti e alle famiglie di coloro che sono rimasti uccisi nell’incidente “.