app-mac-ios-arm-m1-sideload-scorciatoia-iphone-ipad

Le app per iPhone che non sono state approvate dallo sviluppatore per macOS possono essere trasferite su Mac ARM tramite una piccola deviazione. Apple potrebbe chiudere questa via di mezzo molto presto.

Il sideload delle app iOS su Mac ARM sembra essere una spina nel fianco di Apple: il codice nell’ultima versione pre-rilascio di macOS Big Sur 11.2 indica che Apple vuole bloccare una soluzione alternativa popolare. Finora, questa soluzione ha permesso di installare le app di iPhone e iPad su Mac.

Apple potrebbe presto bloccare alcune app iOS

Nelle interfacce attorno alle funzioni DRM del sistema operativo, apparentemente c’è un nuovo codice nella beta 2 di macOS 11.2: un avviso aggiunto informa che un’app non può essere installata perché “lo sviluppatore non aveva intenzione di eseguirla su questa piattaforma” come citato dal codice 9to5Mac. Tuttavia, nella beta 2 di macOS 11.2, è attualmente ancora possibile eseguire il sideload di qualsiasi app iOS sul Mac.

Per la prima volta, le app iOS possono essere eseguite in modo nativo su Mac con chip M1 di Apple. Il download è possibile direttamente nel Mac App Store di Apple, ma i programmi vengono visualizzati solo se lo sviluppatore non é contrario. Si sospettava da tempo che Apple volesse intervenire, ma non c’è stato ancora un annuncio specifico.

Molti dei principali fornitori e servizi di app hanno bloccato le loro app per macOS, inclusi Instagram, Netflix e Gmail. Spesso ci sono buone ragioni per questo, dopotutto, queste versioni di iOS non sono in alcun modo adattate per i Mac e potrebbero essere difficili da utilizzare con mouse e tastiera.

Tuttavia, i primi acquirenti dei Mac M1 si sono presto resi conto che le app presenti su iPhone e iPad potevano essere installate ed eseguite come file .ipa su Mac ARM. I file .ipa possono essere estratti con l’aiuto di strumenti come iMazing.