zoom-servizio-posta-elettronicaSono pochissime le aziende tecnologiche che riescono a diventare incredibilmente popolari. Google, Uber, Skype sono tra tali aziende. Ora Zoom si è unito al mix.

Durante la pandemia, la popolarità del software per videoconferenze è cresciuta notevolmente. Da 10 milioni di utenti giornalieri a dicembre 2019 a 300 milioni ad aprile. Zoom è stato uno dei servizi fondamentali per affrontare questo periodo in maniera diversa, più efficiente. È interessante notare che tra Apple, Google, Microsoft e Facebook, Zoom sia salito al vertice. Il motivo è radicato in una cosa a cui tutti i prodotti tecnologici dovrebbero mirare: l’accessibilità.

Per cominciare, Zoom era gratuito e non richiedeva un account per essere utilizzato. Ad esempio Google Meet (ex Hangouts Meet) richiede un account Gmail ed è diventato gratuito solo ad aprile prima di essere introdotto nell’app Gmail principale a giugno. Facebook non è stato utilizzato per lavoro. WhatsApp non supporta ancora correttamente l’uso del desktop.

Zoom è anche più facile da usare. Gli utenti, molti dei quali potrebbero non aver utilizzato gli strumenti di videoconferenza in modo approfondito prima della pandemia, devono solo utilizzare un codice della lunghezza di un numero di telefono per accedere alle riunioni.

È probabile che la forza dietro Zoom che l’ha reso così semplice da usare provenisse dal suo CEO, Eric Yuan. Yuan ha lasciato il suo precedente datore di lavoro Cisco Webex dopo aver riferito di non essere riuscito a convincerli che la velocità, la facilità d’uso e il supporto delle app mobili richiedevano una priorità più elevata.

Skype invece richiede un codice alfanumerico che distingue tra maiuscole e minuscole che, sebbene probabilmente più sicuro, non è una priorità per molte persone che cercano semplicemente di superare la loro già interrotta quotidianità con il minor fastidio possibile. Inoltre, Skype è regredito, ricorda Wired. Ha aggiunto funzionalità che gli utenti non volevano come emoji e storie personalizzate, che in seguito ha ripristinato. Nel bel mezzo della sua crisi di identità – ancora in corso – Zoom ha preso il sopravvento.

Zoom: scalata verso il successo nonostante i numerosi scandali

Questi fattori hanno reso gli strumenti desktop di Zoom incredibilmente popolari. Tuttavia, il percorso dell’azienda verso la vetta non è stato semplice. Rendere l’app così intuitiva è diventata rapidamente un’arma a doppio taglio quando un’altra parola, “Zoom-bombing“, è entrata nel nostro lessico. Il fenomeno si è diffuso rapidamente minando la sicurezza effettiva della piattaforma.

La preoccupazione è diventata così grande che la National Crime Agency nel Regno Unito e l’FBI negli Stati Uniti hanno dovuto emettere avvisi e consigli su come effettuare le chiamate al sicuro. I ricercatori di sicurezza hanno dimostrato come centinaia di chiavi numeriche che forniscono l’accesso alle riunioni potrebbe essere trovato entro un’ora. Zoom ha anche affrontato un altro scandalo per la sua sicurezza back-end, quando si è scoperto che non disponeva della crittografia end-to-end.

È probabile che i dibattiti sul rapporto di Zoom con i governi imperversino – considerati i tanti scandali e mancanze dal punto di vista della sicurezza. Il suo utilizzo in tutto il mondo è improbabile che diminuisca. La popolarità del software di videochiamata in un mondo post-pandemia potrebbe diminuire leggermente – il prezzo delle sue azioni è sceso sulla scia della notizia di un vaccino contro il coronavirus – ma Choudhury ritiene che sarà ancora utilizzato sul posto di lavoro con grandi benefici.

“Nel vecchio mondo fisico del lavoro, le interazioni faccia a faccia avvenivano per lo più tra dipendenti allo stesso piano dell’edificio”, aggiungendo che Zoom ha agito come “Ottimo equalizzatore nella riduzione dei confini e nell’appiattimento della gerarchia.”

Va detto che mentre Zoom sta vivendo il suo successo, potrebbe ancora scontrarsi con Microsoft Teams. Il servizio ha già avuto una crescita sorprendente, da 44 milioni di utenti giornalieri a 115 milioni di utenti attivi dichiarati ad ottobre 2020. (Skype for Business, nel frattempo, il prossimo anno farà posto a Teams). Zoom, secondo quanto riferito, vuole contrattaccare. Ci sono voci sul lancio di un calendario e di un servizio di posta elettronica.