Il mondo della telefonia è certamente uno dei più variegati e ampi in tutto il pianeta, esso è fatto sostanzialmente di clienti e providers che offrono ai primi delle offerte a cui accedere in una competizione al prezzo più vantaggioso.

Tutto questo contesto inquadra ovviamente la parte luminosa di questo mercato, ove ogni cliente può avere libera scelta e accettare di stipulare un contratto nella piena consapevolezza di esso e di tutti i termini che lo riguardano, purtroppo però come in ogni moneta è presente un altro lato, quello oscuro, in cui vagano le truffe e i servizi ingannevoli, tra questi risultano proprio i servizi VAS, i quali altro non sono che servizi con attivazione in automatico senza richiedere il consenso diretto dell’utente, ovviamente a prezzi a dir poco esagerati per non dire mostruosi.

Generalmente la stragrande maggioranza di essi si attiva aprendo per sbaglio qualche banner pubblicitario presente su una pagina web, il quale in automatico darà il via all’attivazione e al conseguente addebito della cifra legata all’abbonamento.

Come disattivarli subito

Per disattivare questi fastidiosi servizi indesiderati ci sono varie alternative, la prima consiste nel chiamare il proprio gestore telefonico e chiedergli di procedere all’eliminazione del servizio dal proprio piano, ovviamente il tutto sarà immediato, l’unica vera attesa risiede nel mettersi in contatto con l’operatore stesso.

Un altro metodo consiste nell’esercitare il diritto di ripensamento, il Governo infatti ha offerto questa possibilità ai cittadini, la quale si traduce nel potere di inviare un SMS, in risposta a quello che notifica l’attivazione, ove con la dicitura “Annulla” richiediamo l’annullamento dell’attivazione obbligando chi ha stipulato tale servizio a disattivarlo, tale possibilità però è applicabile entro e non oltre 6 ore dopo l’attivazione del VAS.