esselunga

Una delle abitudini che senza dubbio sono rimaste, dopo la quarantena, è quella di fare la spesa a domicilio. Tra i principali supermercati che si sono occupati di questo, soprattutto durante il lockdown, abbiamo Esselunga e Carrefour. Tra persone tuttora prudenti, gente anziana e altri casi, molte persone hanno mantenuto la spesa a domicilio come principale metodo per rifornirsi. Benché entrambi i supermercati abbiano fatto un gran lavoro, c’è però da dire che alcuni clienti, si siano lamentati di una serie di disfunzioni relative al servizio a domicilio e ai costi. Vediamo quali sono.

Esselunga e Carrefour, ecco cosa è capitato con le spedizioni della spesa

È comprensibile che un evento simile a questa emergenza sanitaria, abbia causato così tanti problemi di gestione logistica dei beni e dei servizi. Nessuno era preparato a una cosa del genere, nei termini in cui è avvenuta. Proprio per questo, molte sono state le lamentele sulle varie disfunzioni.

Tanto per cominciare, i prodotti ordinati hanno talvolta subito settimane di ritardi, prima di arrivare nelle case di chi li aveva acquistati. Gli over 65 sono tra coloro che ne hanno maggiormente risentito e che si sono lamentati di questo disagio. Gli ordini erano così tanti e così continui, che i sia Esselunga che Carrefour non erano in grado di evaderli tutti e subito.

Un’altra cosa che ha dato molto fastidio agli acquirenti, è stata l’aumento dei prezzi dei prodotti. A molti è sembrata una speculazione inappropriata e ingiusta. Ci auguriamo che non si verifichi un altro lockdown, ma se così fosse, magari questa volta, saremo tutti più preparati.