Samsung, Galaxy, Note20, Note20 Plus, render, Pen Stylus, rose gold

La presentazione della famiglia Galaxy Note 20 è sempre più vicina. L’appuntamento fissato da Samsung per il lancio è confermato per il 5 agosto e in quella occasione verranno finalmente svelati i device. Parliamo al plurale perchè quasi certamente ci saranno almeno due smartphone.

Il primo sarà il Galaxy Note 20 mentre il secondo sarà la versione Plus o Ultra. Quale delle due sarà presentata da Samsung è ancora un mistero. Tuttavia, grazie ad alcune indiscrezioni, possiamo scoprire quale System on a Chip sarà montato sugli smartphone.

Con un Tweet sia il noto leaker Ice Universe che che il noto redattore di XDA Developers, Max Weinbach, hanno confermato la stessa notizia. Samsung è pronta proseguire la tradizione e montare due SoC diversi sui propri device.

Samsung monterà due processori sui device Galaxy Note 20

Il primo SoC scelto da Samsung è certamente la soluzione proprietaria Exynos 990. Il produttore coreano si è affidato al processore che tanto ha fatto discutere negli scorsi mesi. Tuttavia, nelle settimane passate, erano emerse alcune indiscrezioni riguardanti lo sviluppo del SoC Exynos 992. Sulla carta doveva essere una versione potenziata dell’Exynos 990, ma a quanto pare il tutto è rinviato per la prossima generazione di smartphone.

Tuttavia, il processore proprietario Samsung non sarà l’unico montato sulla famiglia Galaxy Note 20. Come sempre, il produttore sceglierà anche la soluzione top di gamma Qualcomm. Ecco che avremo anche una versione dotata di Snapdragon 865 Plus. Questa variante sarà destinata al mercato Americano e non debutterà in Europa.

Tuttavia, a preoccupare è il divario di prestazioni tra il SoC Qualcomm e quello Samsung. Se il confronto tra Exynos 990 e Snapdragon 865 vedeva in netto vantaggio il chipmaker americano, il confronto con la versione Plus sarà ancora più devastante.