Secondo le ultime indiscrezioni trapelate, Sony sarebbe intenzionata a rilasciare la sua nuova console i due versioni, una più economica ed una con massime prestazioni, definita come Pro.

Stando alle ultime news sappiamo che Xbox Series X vanterà un’impressionante potenza di calcolo grafico, in grado di raggiungere i 12 Teraflops di potenza, ben otto volte superiore rispetto ad Xbox One, con supporto al Ray Tracing hardware e un chip audio dedicato.

Delle caratteristiche davvero spettacolari, che lasciano ben sperare i programmatori, che avranno terreno fertile per la produzione di contenuti quasi fotorealistici.

Se la strategia di di Microsoft è ben chiara e definita, con Xbox Series X che sarà il modello top di gamma e verrà affiancata da un modello più economico, molto meno evidente è quella di Sony, la quale mantiene ancora un velo di mistero attorno a quella che sarà la sua console di punta.

La possibile politica che intraprenderà Sony

Da quello che è emerso sappiamo che la console made in Sony si doterà dello stesso processore della controparte, ovvero un AMD Zen2 octa-core, supporterà la risoluzione 8K, il ray-tracing e avrà un lettore Blu-Ray Ultra HD.

Le indiscrezioni trapelate lasciano intuire che Sony potrebbe uniformarsi alle politiche già prese da Microsoft, andando quindi a produrre una versione lite della sua Playstation 5.

Di questa possibile versione lite non si sa molto, si ipotizza che essa potrebbe avere una potenza di circa 9 Teraflops, che comunque è doppia rispetto a quella di una PS4 Pro.

Non rimane dunque che attendere la conferma ufficiale, che arriverà dopo che la situazione globale si stabilizzerà.

In aggiunta a quanto trapelato, si ipotizza che entrambe le console nella loro versione più potente avranno un prezzo all’incirca di 600 dollari, mentre quelle Lite usciranno in un arco di tempo posticipato rispetto alle sorelle maggiori.