4G bloccatoUn disservizio di rete – altrimenti noto al pubblico come network down – si configura come un momento di smarrimento. Nessun cliente di TIM, Wind, Tre, Vodafone ed Iliad vuole avere un contatto con questa realtà. Si può mettere in conto una momentanea situazione di blocco 4G ma nessuno può sopportare la mancanza di connessione troppo a lungo.

I minuti diventano ore ed in alcuni casi intere giornate. Si tratta di malfunzionamenti da non confondere, invece, con l’ultima trovata degli hacker che mandano la rete offline a tempo indeterminato con la truffa dello Swap Scam di cui si è già parlato in altre occasioni.

Ciò di cui parliamo oggi rispecchia una situazione temporanea in cui si ha la necessità di fare indagini sul problema tramite uno strumento gratuito di consultazione che troviamo aggiornato in tempo reale sul web.

 

Come scoprire se 4G e chiamate non funzionano per un problema alla rete

Molte volte basta un semplice riavvio del telefono per ripristinare un errore di rete. Altre volte, invece, tutto potrebbe non dipendere da noi. Lo scopriamo tramite un link verificato in cui si offrono tutte le informazioni ed i dettagli sullo stato di un disservizio tecnico. Se la tacca sparisce è tempo di contattare downdetector, sito riconosciuto e specializzato per le segnalazioni dei guasti sulla linea Internet.

Attraverso il portale – ora aggiornato di recente anche dal punto di vista grafico – è possibile esaminare lo stato di servizio per ogni specifico operatore. Una curva delle interruzioni fornisce un’idea sull’estensione del problema nel corso delle ore. Tutto si completa con l’indicazione cartografica della mappa che valuta portata ed estensione del problema.

Nel 2019 gli utenti hanno usato questo sistema per ottenere info in tempo reale su eventuali bug della rete e manutenzioni in corso. Da un rapporto finale emerge che TIM e Vodafone sono i due operatori maggiormente esposti ai blackout di rete. La cosa è stata giustificata con la necessità di garantire un servizio migliore. Si spera che con l’avvento del 5G il numero di blocchi del segnale si riduca.