bancomat svuotati

Parliamo spesso delle sconcertanti azioni degli hacker criminali che attaccano via software bancomat e ATM svuotandoli del denaro dei correntisti. L’ultimo allarme in ordine temporale è stato lanciato dal noto produttore di antivirus Kaspersky, il quale ha prodotto una ricerca citando che sul Dark Web esistono numerosi software in vendita con un kit contenente un malware in grado di svuotare completamente i cassetti degli ATM.

Ma come riescono gli hacker nel loro intento? Beh, se sono esperti in questo settore allora maneggiare il kit del perfetto criminale informatico gli risulterà facile. Nei meandri di internet gli strumenti erano in vendita a circa 5.000 dollari USA, ma la resa di tale attacco informatico ai bancomat era molto superiore alla cifra investita.

 

Bancomat e ATM svuotati in un attimo: ecco come si fa

Nel kit che circola nel Dark Web sono presenti tre software:

  • Il primo si chiama STIMULATOR e riesce a stimare la quantità di banconote presenti all’interno dei singoli cassetti.
  • Il secondo è il malware vero e proprio CUTLET MAKER, da inoculare nel bancomat per far uscire tutte le banconote.
  • Il terzo, infine, si lancia da un tablet al momento dell’attacco e fornisce un codice necessario al software “Cutlet Maker” per agire.

Tra i “ferri del mestiere” non deve mancare:

  • un cavo USB abbastanza lungo per raggiungere la relativa porta dell’ATM stesso;
  • una chiavetta USB in cui memorizzare i vari software;
  • Un HUB
  • Una tastiera per interfacciarsi con Windows XP dell’ATM
  • Uno spadino o un cacciavite per rimuovere le parti in plastica di fronte le porte USB

Se cercate su internet troverete diversi video di spiegazione, che ovviamente non postiamo per non favorire questo tipo di crimine. Tuttavia, il procedimento prevede l’inserimento dell’HUB nell’ATM per mezzo della prolunga USB, e il successivo avvio sia del software “Stimulator” che di “Cutlet Maker”.

Come potete capire, se un hacker ha abbastanza tempo per arrivare a comunicare con il sistema operativo del bancomat, allora il gioco è fatto.