truffe postepay

I possessori di card del gruppo di Poste Italiane devono temere per la loro sicurezza finanziaria. Le carte prepagate PostePay infatti, nelle due varianti Classic ed Evolution, sono le soluzioni ideali e adatte ad ogni esigenza. Il sistema è diventato famoso e utilizzato fra la miriade di utenti che oggigiorno lo utilizza, grazie alla semplicità d’uso e all’immediatezza del conto corrente.

Al successo però è legato un altro fatto però: il problema delle truffe ai danni dei clienti ad opera degli hacker. Negli anni infatti, i cybercriminali hanno ideato molte truffe per derubare i conti correnti delle vittime. A tal proposito ricordiamo che Poste Italiane è da sempre molto attenta alla sicurezza dei suoi utenti. Sul sito ufficiale è anche possibile scaricare una piccola guida, ideale per difendersi nel Web dai tentativi di phishing.

PostePay: quali sono le frodi più gettonate?

Le frodi più famose ai danni dei clienti di Poste Italiane sono il phishing e lo smishing. Sono due nomi diversi per indicare la medesima truffa ma che viaggia su mezzi differenti. Il primo infatti agisce via mail e si presenta come una lettera digitale contenente un oggetto accattivante e che informa l’utente di diversi problemi legati al proprio conto corrente. Il tutto è accompagnato da un link di SPAM che consente al cyber criminale di derubare i dati personali e bancari della vittima.

Leggi anche:  PayPal: basta un SMS su Tim e Vodafone per svuotare una carta prepagata

Lo smishing è la medesima truffa ma opera attraverso i classici SMS. Dopo il phishing, tale frode sta prendendo sempre più piede in Italia, pertanto si raccomanda massima attenzione. I nostri consigli sono infatti, i seguenti: non aprite mai i link contenuti all’interno delle mail o dei messaggi e non fornite mai i vostri dati bancari e/o personali a nessuno di cui non vi fidate.