semaforo smart trafficoIl problema del traffico è decisamente attuale in una società in cui il rapporto veicoli/utenti è in crescita esponenziale. Si pone la necessità di regolare la circolazione di pedoni e mezzi attraverso nuovi strumenti digitali. Per accompagnare il progresso nel settore viabilità nascono i nuovi semafori intelligenti, presentati a Vienna proprio in queste ore. Scopriamo in cosa consistono e quando arriveranno in Europa.

 

Semafori smart: Il traffico urbano diventa ingelligente

La prima città al mondo a testare i semafori smart sarà Vienna, dove a partire dal 2020 prenderà piede l’installazione di un nuovo ecosistema di telecamere sviluppato per conto di TU Graz.

Le autorità locali, consapevoli dei crescenti disagi alla circolazione su strada, hanno votato a favore di un sistema che elimina le attese al semaforo rosso. Il flusso urbano migliora grazie all’intervento dei ricercatori dell’Università Tecnica della città austriaca di Graz. Secondo HorstPossegger, esponente dell’Istituto di Computer Graphics and Vision della società:

Leggi anche:  Scooter e monopattini elettrici: le norme della Open Mobility Foundation

“Il verde potrà estendersi automaticamente nel caso di grandi gruppi di persone che hanno bisogno di più tempo per attraversare”

Il campo visivo della nuova telecamera stradale sarà di 8×5 metri ed installata in prossimità dei sistemi di gestione del traffico in modo tale da prevedere l’arrivo dei pedoni in attraversamento. L’algoritmo di analisi del movimento globale registra i dati dei semafori attivandosi in pochi secondi.

“Ci vuole un secondo per stimare le intenzioni dei pedoni; dopo soli due secondi questa intenzione diventa affidabile. Questa previsione è inizialmente incerta, quindi il sistema attiva la richiesta di attraversamento solo quando è completamente sicuro”.

Pensate sia una soluzione definitiva ai problemi che affliggono la mobilità? Lo scopriremo solo a partire dal prossimo 2020. Nel frattempo, lasciamo spazio ai vostri commenti.