PostePay è tra i sistemi di pagamento più diffusi in Italia. Che sia per la sua semplicità d’uso o per la sua economicità, la carta prepagata di Poste Italiane risulta essere, oggi, una soluzione adottata da milioni di persone, e proprio per questo motivo spesso nel mirino dei criminali informatici.

Tra le truffe più diffuse, rientra quella del falso blocco della carta PostePay, perpetuata attraverso uno dei mezzi di comunicazione più diffusi: l’e-mail.

PostePay, i nostri consigli per evitare di essere truffati

Il meccanismo della truffa è molto semplice: l’utente riceve una comunicazione via e-mail che informa l’utente dell’avvenuto blocco della carta PostePay per motivi di sicurezza, accennando a delle transazioni sospette probabilmente non autorizzate dal titolare.

La comunicazione è accompagnata da un link su cui l’utente è invitato a cliccare per confermare i propri dati personali, reindirizzandolo ad un sito Web molto simile a quello ufficiale di Poste Italiane. A questo punto, risulta facile capire che i dati qui inseriti verranno copiati negli archivi dei criminali informatici ed utilizzati per prosciugare i conti dei clienti PostePay.

Leggi anche:  Poste Italiane:"Difenditi dalle truffe", l'azienda invita a fare attenzione

Come difendersi, dunque, dalla truffa del falso blocco della carta prepagata di Poste Italiane? Anzitutto, se si legge con attenzione il contenuto della pagina Web realizzata ad-hoc dai criminali informatici per raggirare le vittime dell’attacco, non si può non notare i numerosi errori grammaticali che caratterizzano il testo, attivando un campanello d’allarme che mette in guardia l’utente.

In secondo luogo, come spesso ricordato dalla Polizia Postale, Poste Italiane non è autorizzata a chiedere ai propri clienti l’inserimento dei dati personali via mail, SMS o chat. Pertanto, ogni comunicazione veicolata attraverso uno dei mezzi di comunicazione sopra citati, nasconde, in realtà, un tentativo di truffa.

In caso di dubbi, suggeriamo di verificare la validità della propria carta PostePay presso uno degli sportelli di Poste abilitati, o verificare la presenza di eventuali messaggi circa la sicurezza e la validità del conto accedendo alla propria area personale sul sito ufficiale di Poste Italiane.