speed test speedtest

A seguito dei frequenti down sulle reti mobili di Tim, Vodafone e Wind-Tre, sempre più spesso è necessario fare un check della propria connessione internet. Non ultimo il down che ha coinvolto i clienti Wind, che hanno vissuto diverse ore con una connessione lenta e che a stento consentiva l’utilizzo delle app e delle piattaforme principali.

Uno degli strumenti utili in queste situazioni corrisponde a Downdetector, un sito che offre gratuitamente un servizio di statistica in merito alle segnalazioni provenienti dagli utenti. Molti sono gli operatori e le piattaforme monitorate: in base al numero di segnalazioni ricevute, si può dedurre quante persone stiano riscontrando contemporaneamente il medesimo disagio, e quindi estendere il campo di indagine ad un problema nei server e non ad una problematica individuale.

Quali sono i migliori servizi per testare la connessione?

Dal momento che questo genere di situazioni si verifica con una cadenza sempre più ravvicinata, risulta quindi indispensabile tener traccia della propria connessione mobile, ma anche qualora si volesse verificare la rete domestica o aziendale è possibile utilizzare i metodi che vi stiamo per proporre.

Leggi anche:  Connessione lenta o assente? Come monitorare le reti Tim, Vodafone, Wind e 3

Si tratta infatti anche in questo caso di due siti web che offrono il servizio di speedtesting. Proprio per i continui down delle reti, sono proliferati gli indirizzi web che consentono di verificare lo stato della propria connessione, ma attualmente i più affidabili corrispondono a Speedtest di Ookla e nPerf.

Supportati anche dalle omonime app scaricabili dagli app store ufficiali Google Play e Apple Store, i due speedtest dimostrano livelli di affidabilità molto elevati per i clienti che ne hanno usufruito. Essi consentono di valutare la velocità della connessione secondo tre parametri: ping (ritorno del segnale), velocità media in download e velocità media in upload. Un’utilissima funzionalità permette di confrontare i risultati ottenuti con la cronologia dei vecchi test effettuati, così da poter individuare più agevolmente variazioni sensibili nella velocità di connessione.