apple iPad Air 3 iFixit

La nuova generazione di tablet realizzati da Apple è arrivata sul mercato e con essi le prime prove con mano. Ovviamente, uno dei test più attesi è quello realizzato dai ragazzi di iFixit che, con i loro teardown, che valutano la riparabilità dei device.

Come già accaduto con lo smontaggio di iPad Mini 5, anche il nuovo iPad Air 3 è stato sottoposto ad una accurata ispezione. Ne è emerso che, come per il suo fratello minore, Apple ha rinnovato le componenti ma il device presenta gli stessi problemi di sempre.

L’azienda di Cupertino ha sfruttato lo stesso layout interno di iPad Mini di nuova generazione, con tutti i vantaggi i limiti che ne conseguono. Tra i vantaggi c’è la disposizione condivisa tra i due dispositivi e quindi le stesse procedure da seguire per accedere ai vari componenti. Apple ha reso gran parte dei componenti modulari, quindi facilmente sostituibili.

Leggi anche:  Google Maps e Waze aggiungono Siri per la navigazione con iOS 13 e CarPlay

Tra i limiti, ovviamente, rientra la scarsa riparabilità del device. A causa dell’uso massiccio di colla per tenere insieme cavi e componenti, iPad Air risulta difficile da smontare. Inoltre, la batteria è inutilmente difficile da rimuovere e il connettore Lightning è saldato alla scheda madre, rendendo il lavoro di sostituzione più complicato. Sommando tutti gli aspetti, iFixit ha attribuito un punteggio di riparabilità molto basso, con 2 punti su 10.

Ricordiamo che la nuova generazione di iPad Air è caratterizzata da un display Retina True Tone da 10,5 pollici, dotato di una risoluzione pari a 2224 × 1668. Il SoC è il potente A12 Bionic a cui si affianca il coprocessore di movimento incorporato M12. La fotocamera posteriore è da 8 MP mentre quella anteriore è da 7MP compatibile con FaceTime HD.