Whatsapp blocco contatto

Un dato emerso nelle ultime settimane ha lasciato letteralmente stupefatti. Ogni mese, infatti, WhatsApp blocca in media due milioni di profili a causa di comportamenti scorretti, pratiche illecite ed uso improprio della chat. Il numero è davvero clamoroso e mostra quale sia l’attenzione per le tematiche della sicurezza online.

Sempre più persone si chiedono quali siano i motivi che possono portare ad un ban su WhatsApp. Se prima la questione era stata sottovalutata, ora l’interesse è più che mai lecito.

WhatsApp, le ragioni che portano alla sospensione del proprio account

La via principale che porta ad un blocco del proprio account su WhatsApp, come dimostrato dagli stessi sviluppatori della chat, è la pratica dello spam. La piattaforma si è impegnata a cacciar via tutti quegli utenti che inviano messaggi a centinaia o migliaia di contatti per scopi non limpidi.

Leggi anche:  WhatsApp, come leggere e salvare tutti i messaggi cancellati

Si possono pagare con un ban anche i comportamenti eccessivi. Quando si utilizzano toni estremi e quando si accumulano le segnalazioni, è possibile la chiusura unilaterale del servizio. Il blocco di WhatsApp può presentarsi anche per quelle persone che aggirano le norme della chat, utilizzando ad esempio due account diversi su uno stesso dispositivo.

Stando alle dichiarazioni del team che lavora su WhatsApp, per il 2019 i controlli saranno ancora superiori rispetto al passato. Chi pensa quindi che sulla chat di messaggistica sia possibile far tutto, deve ritrattare le sue convinzioni. Mai come ora è necessario tenere un comportamento opportuno e corretto anche sulla piazza virtuale di messaggistica.