inviare messaggi che si autodistruggono

Per proteggere la nostra privacy da malintenzionati, negli ultimi mesi si sono diffusi moltissimi sistemi per la cancellazione delle conversazioni in chat. Esistono diverse applicazioni che infatti inviano messaggi che si distruggono subito dopo essere stati letti dal destinatario o allo scadere di un timer prestabilito dal mittente stesso del messaggio.

In questo articolo vi segnaliamo le migliori soluzioni da avere sul proprio smartphone, scaricabili dal Play Store e completamente gratuite.

Messaggi che si autodistruggono: le migliori app

Snapchat

Snapchat, l’app che permette la condivisione di storie in immagini e video della durata di ventiquattr’ore, consente anche di inviare messaggi che si distruggono dopo essere stati visualizzati. Ogni testo o contenuto multimediale inviato avrà una validità massima di 10 secondi prima della cancellazione definitiva.

Confide

Confide è un’app particolare che, oltre all’impostazione di un timer per l’auto-distruzione del messaggio, consente anche la crittografia dei contenuti. Per poter leggere cosa si nasconde dietro le barre visualizzate sullo schermo, il destinatario del messaggio dovrà premere su ogni casella. Una volta letto, poi, il messaggio scomparirà per sempre.

Leggi anche:  Whatsapp e Telegram: come utilizzarli senza numero

Facebook Messenger e Telegram

Non tutti sanno che sia Messenger che Telegram possono inviare messaggi che verranno automaticamente cancellati subito dopo la lettura, impostando la scadenza di un timer a scelta dall’utente. Per farlo non dovrà essere utilizzata la chat standard, ma sarà necessario avviare una conversazione segreta con il contatto desiderato. All’inizio si dovrà anche impostare il timer di auto-distruzione del messaggio cliccando sull’apposita icona e scegliendo una tra le opzioni disponibili.

Wickr Me

Infine, Wickr Me è simile a Confide, ovvero si tratta di un’app con il timer al termine del di autodistruzione e la crittografia end-to-end, in modo tale che solo i partecipanti alla chat (mittente e destinatario dei messaggi, dunque) possano avere accesso ai contenuti qui inviati e condivisi.