play store malware Android virus smartphoneAlcune app Android ci mettono in pericolo e spesso provengono proprio dal Play Store. Vista la natura open source del sistema ed un numero sempre maggiore di applicazioni è difficile per il Play Protect individuare in tempo le minacce. Così come avvenuto per le 9 app infette che stanno prendendo il controllo degli smartphone è necessario individuare i virus ed eliminarli disinstallando i prodotti.

 

Play Store malware: 2 app Android da cui diffidare

Il paradiso dei modder e di coloro che cercano il massimo della personalizzazione UI. Questa potrebbe essere la migliore descrizione riassuntiva dell’ecosistema Android. Portiamo a termine i nostri propositi di ottimizzazione e controllo delle funzioni sfruttando app nuove ed aggiornate ma spesso perdiamo di vista la sicurezza a causa di alcune mele marce.

Quelle individuate a partire dal 29 dicembre 2018 sono state rimosse dal negozio ma potrebbero essere ancora installate sul telefono o disponibili come APK separati su store di terze parti. Dobbiamo disinstallare Power Shade: Notification Bar Changer & Manager Material Notification Shade. Si tratta di due app per la personalizzazione Android della barra delle notifiche.

Leggi anche:  Android: Google impazzisce, 4 app a pagamento gratis sul Play Store

Google non è riuscita ad individuare in tempo la minaccia ma fortunatamente c’è stato il suo intervento. Le app in questione hanno usato proxy server per recuperare dati personali degli utenti dalla cronologia web dei siti visitati. Lo sviluppatore si è giustificato riportando il fatto che le librerie sono state create da un altro developer. Conta di reintrodurle nei prossimi giorni dopo un’analisi di sicurezza con opportune correzioni.

Resta il problema degli acquisti per le versioni Pro che a seguito del blocco e della successiva nuova pubblicazione rischiano di andare persi scatenando il malanimo degli utenti. Lato sviluppatore, tra l’altro, vi sarà la perdita di recensioni e numero di download. Una situazione che svantaggia tutti.

Al momento non è noto il nome della libreria che ha attaccato gli smartphone. Restate sintonizzati per ottenere ulteriori dettagli.