TIM Sound 50 GB

TIM non offrirà più un servizio ai suoi clienti, in questo inizio 2019 e per il futuro a venire. Con una decisione drastica, il gruppo Vivendi ha chiuso per sempre l’esperienza di Studio+, la piattaforma pensata per la distribuzioni di contenuti in streaming.

 

TIM, il tempo di Studio+ è concluso: il servizio da ora non è più disponibile

Studio+ ha mai convinto utenti ed addetti ai lavori. Il portale streaming, anche a fronte di un pensiero commerciale di certo non banale, si è arreso ad un mercato oramai molto saturo. Era solo il 2016 quando il gruppo Vivendi ha lanciato una vasta serie di contenuti – alcuni dei quali molto sperimentali – dalla breve durata. Le serie tv promosse da Studio+, però, non hanno mai suscitato il vivo interesse dei clienti.

C’è da chiarire un punto: TIM e Studio+ erano due servizi del tutto indipendenti. Il provider rappresentava il canale di distribuzione principali per Studio+ in Italia. In questo senso si spiegano le numerose iniziative speciali la promozione del prodotto. Per alcuni mesi il portale è stato gratuito,  poi invece è stato stabilito un abbonamento mensile di pochi euro (3,99 euro ogni trenta giorni). Attraverso il sito TIMparty poi alcuni utenti hanno ricevuto i contenuti del portale senza la commissione di un pagamento.

La decisione di Vivendi è da interpretare come definitiva. Non sappiamo, in questo momento, se l’azionista del gruppo TIM deciderà di lanciare nel futuro immediato prodotti simili.